Menu
Categories
Festa in famiglia per “I Patrini” con partita di baseball tra giocatori non vedenti e loro accompagnatori
17 luglio 2016 PROVINCIA
Un giocatore con Adele Patrini e il sindaco Astuti

Un giocatore con Adele Patrini e il sindaco Astuti

MALNATE, 17 luglio 2106- di GIANNI BERALDO-

Quando lo sport diventa il giusto collante motivazionale per socializzare affrontando la vita in modo più sereno e senza barriere ideologiche o fisiche.

Questo è quanto rappresentano  “I Patrini” di Malnate,  famiglia guronese con origini milanesi, che dal nulla hanno creato una società sportiva con il loro nome completamente dedicata alla pratica del baseball per DSC00008non vedenti, portandola nel giro di pochi anni alla conquista del titolo italiano ottenuto proprio nella stagione agonistica appena conclusa.

Una favola certo. Con la presidente Adele Patrini a dirigere questa orchestra di “mattacchioni” la cui defezione fisica dovuta alla mancanza della vista (chi per nascita altri successivamente) non ha certamente prodotto in loro disarmo mentale o scoramenti vari. Anzi a vederli in campo sembrano il giusto spot per ogni sport di squadra, con quei sorrisi disarmanti, con quelle battute di spirito sinonimo di effetti goliardici mai-fortunatamente- repressi.

Tutto questo senza trascurare ovviamente l’aspetto meramente sportivo, quello più serio, che parla di risultati. E anche in questo “I Patrini” non scherzano visto che sono Campioni d’Italia: roba non da poco se consideriamo che le formazioni in lizza rappresentavano quasi tutte le regioni d’Italia, sobbarcandosi così anche trasferte impegnative e in parte complicate per via della loro disabilità.DSC00020

Per onorare il titolo ma soprattutto motivo in più per trovare un’altra scusa per ritrovarsi divertendosi,  questa mattina al campo “Gurian” di Malnate (diamante storico che in diversi decenni ha visto molti protagonisti anche importanti del baseball nazionale relativo alla categoria dei normodotati) si è svolta una sfida in “famiglia” tra i giocatori neo campioni d’Italia e i loro accompagnatori sul campo, cioè quelli che danno le indicazioni sonore e verbali sul dove lanciare la palla posizionandosi sulle diverse basi. Appuntamento al quale non poteva mancare anche il sindaco di Malnate Samuele Astuti e la stessa Adele Patrini.è

DSC00018Accompagnatori che dovevano giocare anch’essi con le difficoltà dei giocatori non vedenti indossando una mascherina nera così da togliere completamente la visibilità.

Mancando loro l’istinto acuito dalla mancanza della vista naturale, immaginatevi la goffaggine nel tentativo di recuperare la palla.

Questo sempre contornato da battute ilari sottolineate pure dallo speaker che in questo ci metteva del suo, donando al tutto un’atmosfera ancora più informale e decisamente divertente al cospetto del numeroso pubblico presente nella tribunetta. Finito il match tutti a tavola: giocatori e famiglie annesse.

Perchè in fondo lo sport  è solo un gioco, anche quello per disabili.

direttore@varese7press.it

GALLERIA FOTOGRAFICA

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Lascia un commento
* *