Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Arrivate a Malpensa vittime strage di Nizza

Le sei vittime

Le sei vittime

SOMMA LOMBARDO/MALPENSA, 20 luglio 2016-Sono arrivate in Italia, all’aeroporto di Malpensa, le salme degli italiani vittime della strage di Nizza con un volo dell’Aviazione militare.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha accolto le salme di Angelo D’Agostini, Gianna Muset, Maria Grazia

Sala, Mattarella e Maroni alla Malpensa

Sala, Mattarella e Maroni alla Malpensa

Ascoli, Mario Casati, morti il 14 luglio scorso così come lo studente italo americano Nicolas Leslie e Carla Graveglio. Insieme al Capo dello Stato presenti anche il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, e il sindaco di Milano Giuseppe Sala. A Voghera è stato proclamato il lutto cittadino per venerdì quando si terranno i funerali di Gianna e Angelo. Anche il Comune di Milano ha deciso di proclamare il lutto cittadino per il giorno in cui si svolgeranno i funerali di Maria Grazia e Mario, le due vittime milanesi.

Le salme di Angelo D’Agostino (71 anni) e Gianna Muset (68), e di Mario Casati (90) e Maria Grazia Ascoli (77), uccisi nella strage di Nizza, hanno ricevuto la benedizione del Cappellano di Malpensa, Don Ruggero Camaioni, dopo essere state accompagnate sulla pista dello scalo internazionale milanese da quattro carri funebri. Religioso silenzio sulla pista dell’aeroporto, davanti ai feretri avvolti nel tricolore. Dopo aver dato conforto ai parenti delle vittime, il presidente della Repubblica ha lasciato lo scalo internazionale. Commovente e intenso l’abbraccio dei familiari ai feretri dei loro cari.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 20 luglio 2016. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *