Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

L’ex sindaco di Como patteggia: 3 anni di reclusione per bancarotta e peculato

Stefano Bruni (foto ilgiorno.it)

Stefano Bruni (foto ilgiorno.it)

COMO, 23 luglio 2016- Arrestato lo scorso 26 maggio per bancarotta, abusivismo finanziario e peculato, Stefano Bruni, ex sindaco di Como, esponente di spicco di Comunione e Liberazione, di Forza Italia, prima, e Pdl poi, ha patteggiato con rito abbreviato 3 anni di reclusione dopo aver beneficiato della riduzione di un terzo della pena.

L’accusa di bancarotta è riferita al fallimento, con distrazione di 150 milioni di euro, della società Aipa di Milano, incaricata di riscuotere le tasse di 800 comuni italiani.

Società che Bruni e altri quattro imputati fra cui il consulente olandese Johannus Demers, residente da parecchi anni a Lugano, aveva cercato di salvare mettendo a disposizione oltre 10 milioni di dollari in obbligazioni Jp Morgan. Titoli poi considerati senza valore che sono finiti in una black list. Proprietario dei bond è risultato essere il consulente residente a Lugano. Bruni nella serata di ieri è tornato a casa, avendo ottenuto gli arresti domiciliari.(rsi.ch)

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 23 luglio 2016. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *