Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il football italiano in lotta contro il bullismo

image_pdfimage_print

Grafica Blue Team 2_BullismoVARESE, 28 lulgio 2016- Sarà lo spirito di squadra, il senso di appartenenza ad una grande famiglia dove valori come fair play, lealtà, solidarietà e rispetto rappresentano i principi fondanti; sarà perché nel football si è “cattivi” solo in campo ma la violenza gratuita verso chi è a terra viene punita e condannata duramente…sarà per tutto questo o tanto altro ancora che una squadra di football americano di Seconda Divisione, la Legio XIII di Roma ha deciso di lanciare una vera e propria campagna contro il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, raccogliendo in poco tempo consensi e collaborazioni ben oltre i confini della palla ovale.

Con il sostegno immediato di Vivere da Sportivi (organizzazione no profit per il Fair Play), la firma di un Protocollo d’Intesa che ha coinvolto anche le Fiamme Oro Rugby e il patrocinio del Comune di Roma e del CONI Lazio, il mondo dello sport ha dichiarato guerra ad uno dei fenomeni più odiosi e subdoli dei nostri giorni. I recenti fatti di cronaca, suffragati da una ricerca che ha evidenziato come 1 ragazzo su 2 subisca episodi di violenza verbale, psicologica e fisica, con conseguenze gravissime non solo per la vittima ma anche per l’intera società, dimostrano che non c’è tempo da perdere e che bullismo e cyberbullismo vanno combattuti con ogni mezzo possibile.

Il progetto prevede una serie di eventi congiunti a partire dal mese di ottobre e una campagna di sensibilizzazione nelle scuole. Intanto, però, con le Olimpiadi di Rio ai nastri di partenza, sono diversi gli atleti che hanno voluto unire la propria voce a quella delle squadre (16 ad oggi!) di football americano, non solo italiane, e a quella della nostra Squadra Nazionale: Massimiliano Rosolino, Roberto Cammerelle, Nicola Marconi, Daniele Masala, Marco De Luca, Fabrizio Donati, le atlete azzurre delle Fiamme Oro in partenza per Rio con la Squadra di Nuoto Sincronizzato (Sara Sgarzi, Francesca Deidda, Manila Flamini, Mariangela Perrupato, Camilla Cattaneo) con il ‘collega’ Giorgio Minisini, Arianna Castiglioni e la giovanissima atleta paralimpica Martina Rabbolini, oltre ad associazioni come Sport Senza Frontiere ONLUS e MABASTA (organizzazione antibullismo a base studentesca). Ma l’elenco cresce di giorno in giorno e, una volta terminato il ‘silenzio olimpico’ (che vieta agli atleti impegnati a Rio di postare o condividere sui social o altrove qualunque immagine o contenuto fino al 23 agosto), siamo sicuri che ne vedremo delle belle!

Con gli hashtag #stopbullying, #bullyingisforlosers e #iononrido (che è anche il nome della pagina Facebook dedicata alla Campagna), è partita una mobilitazione di massa, con il football americano in prima linea. E di questo non possiamo che esserne orgogliosi!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 28 luglio 2016. Filed under Sociale,Sport,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *