Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Emergenza terremoto, il consigliere provinciale Bertocchi: “Pronti a dare una mano”

image_pdfimage_print

terremoto-2016-559983.610x431VARESE, 25 agosto 2016– «In queste ore diversi Comuni e comunità della nostra Provincia si stanno generosamente organizzando per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto – spiega il Consigliere provinciale Paolo Bertocchi – Come Provincia di Varese ribadiamo alcuni importanti aspetti».

1) I gruppi di Protezione civile comunali e zonali saranno chiamati ad intervenire, se necessario, solo e solamente nella seconda fase delle operazioni di aiuto e soccorso. Saranno Regione Lombardia e Provincia di Varese a coordinare questa fase che avverrà nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. Nessuno si rechi di propria iniziativa sui luoghi colpiti. Il rischio è di non essere d’aiuto e di intralciare le delicate operazioni già in corso.

In caso di necessità la Protezione civile provinciale terrà tempestivamente aggiornati i Sindaci.

2) Chiediamo a tutti i Comuni che hanno organizzato o stanno organizzando raccolte di generi alimentari, di indumenti o di fondi di coordinarsi prima con ANCI che ha messo a disposizione una unità operativa contattabile ai numeri 06.68009329 o 3463138116. Questo per coordinare le iniziative tra tutti i Comuni italiani ed evitare che le raccolte non siano rispondenti alle reali necessità o si rivelino doppioni non efficaci (anche Croce Rossa Italiana e Caritas hanno messo a disposizione conti correnti ad hoc per raccogliere fondi).

Grazie davvero a tutti coloro che in queste ore si stanno operando in questa vera e propria gara di solidarietà. Va mantenuta però la massima attenzione, la massima lucidità e il massimo coordinamento affinché ogni sforzo sia davvero di beneficio per le popolazioni terremotate.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 25 agosto 2016. Filed under Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *