Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Roberto Brugnoli nuovo Vice Presidente Unioni Industriali Varese

image_pdfimage_print

VARESE, 29 aprile 2016- Il mandato svolto dal Past President dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, Giovanni Brugnoli, tra il 2011 e il 2015, è stato fortemente contraddistinto dalle iniziative riguardanti proprio i temi del rapporto col mondo della scuola, della formazione e dell’alta istruzione universitaria.
Per questo Giovanni Brugnoli, oggi componente del Consiglio Direttivo della nostra Unione Industriali, è l’uomo giusto al posto giusto. Lo è per le sue qualità personali, imprenditoriali e di esperienza associativa. E lo è anche per il ruolo che ricopre come Consigliere di Amministrazione della LIUC – Università Cattaneo di Castellanza, unico ateneo in Italia nato per volontà di un’associazione territoriale del Sistema Confindustria: la nostra Unione Industriali.
Proprio questo forte legame tra l’Unione Industriali varesina e la LIUC dà alla nomina di Giovanni Brugnoli un significato particolare per tutto il nostro sistema imprenditoriale locale e per l’intero territorio. Si tratta di una scelta che premia un intero sistema economico che 25 anni fa ha investito forze e risorse su un progetto universitario oggi riconosciuto di valore dalle classifiche nazionali. Sono certo che Giovanni Brugnoli saprà portare sui giusti tavoli nazionali l’esperienza che, insieme a tutto il sistema manifatturiero locale, è stata coltivata in questi anni sui temi dell’education e della formazione dall’Unione Industriali in tutti gli ambiti. Anche quelli dell’alternanza scuola-lavoro attraverso il Progetto Generazione d’Industria avviato proprio durante la sua presidenza.
A Giovanni Brugnoli, al Presidente designato Vincenzo Boccia e a tutta la nuova squadra di Confindustria vanno i nostri auguri di buon lavoro.  
Riccardo Comerio
Presidente dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 29 aprile 2016. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *