Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Luino si conferma città solidale

image_pdfimage_print
teLUINO, 26 agosto 2016- Luino si conferma ancora una volta città solidale e generosa in merito alla tragedia avvenuta negli scorsi giorni in Italia Centrale.
Un terremoto terribile che ha profondamente colpito tutti i cittadini che si sono attivati anche attraverso i social ad offrire aiuti concreti.‘ Abbiamo affrontato da subito questa dolorosa emergenza, comunica il Vice Sindaco Alessandro Casali, attivandoci con canali istituzionali ufficiali.le priorità di scelte d’aiuto devono distinguere le azioni urgenti da quelle necessarie, come ribadito dal coordinamento Protezione Civile della Comunità Montana Valli del Verbano, del quale il Comune di Luino fa parte.
‘Come ribadito da differenti organi di stampa, commenta il Consigliere Antonio Palmieri, le iniziative in questo momento non possono essere avventate, come, ad esempio, una raccolta beni che, se non espressamente richiesta, può rivelarsi inutile.Dobbiamo seguire le direttive del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile e di Regione Lombardia’.
<<Il Comune di Luino si mette a disposizione, continua Casali,  sia con i nostri uffici che con il gruppo di Protezione Civile. Restiamo in attesa delle direttive istituzionali. Stamane ho parlato con ANCI a Roma e mi hanno confermato di specificare sul versamento i comuni di provenienza>>.
ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani.Nei territori, e per iniziativa dei sindaci e degli amministratori, infatti, è partita anche la corsa alla raccolta di fondi per la ricostruzione e per questo motivo l’ANCI ha aperto un conto corrente denominato ANCI – Emergenza Terremoto Centro Italia per coordinare la raccolta delle risorse da destinare alle attività di ricostruzione. Queste le coordinate IBAN: IT27A 06230 03202 000056748129
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 26 agosto 2016. Filed under PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *