Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Iniziati lavori di controlli e verifica al Campanile di San Vittore

image_pdfimage_print

2_rilievi campanileVARESE, 31 agosto 2016- Sono iniziati oggi i lavori per verificare lo stato di salute della Torre Campanaria in Piazza San Vittore,  monumento, simbolo della città e della chiesa varesina. Controlli che richiederanno altri due giorni di lavoro.

Tecnici e professionisti passeranno alcune ore nel cielo sopra Varese per procedere a un rilievo fotografico e materico-analitico.

Dalla piattaforma posizionata ai piedi della torre campanaria – che ha destato tanta curiosità nei passanti – , infatti, saliranno con un cestello (di 3,5 metri in grado di portare 4 operatori) che arriva fino a quasi 10 metri dalla sommità del campanile, per visionare tutta la superficie esterna della costruzione.

A coordinare l’operazione sono l’architetto Giorgio Vassalli e il geometra Giovanni Meschini, incaricati di seguire i lavori per la parrocchia di san Vittore martire.

«Tutto rientra nel quadro dei lavori già progettati lo scorso luglio, in seguito al distacco di piccoli frammenti dalla facciata ovest del “Bernascone” – spiega il prevosto, monsignor Luigi Panighetti -. Si tratta dell’annunciata ispezione che mira a monitorare lo stato di fatto di tutti e quattro i lati del campanile per capire e definire se e quali interventi potrebbero essere necessari, in accordo con la Soprintendenza».

Accertamenti che arrivano dopo il posizionamento, all’inizio del mese di agosto, della “mantovana para sassi” in tubi innocenti zincati posizionati a coronamento della struttura del campanile, in prossimità della prima cornice e della posa della rete zincata con interposto un telo in “fibra”, in grado di contenere eventuali distacchi di frammenti.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 31 agosto 2016. Filed under Cronaca,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *