Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il rugby per “Progetto Carceri”: sfida tra Bisonti e Luiss Roma

image_pdfimage_print
Bisonti Roma

Bisonti Roma

ROMA, 5 settembre 2016-  I valori del rugby come strumento di recupero e reinserimento sociale dei detenuti attraverso la pratica dello sport, in linea con il principio di inclusività che caratterizza il progetto tecnico federale ad ogni livello.

Il “Progetto Carceri” della FIR, uno dei cardini dell’impegno della Federugby in ambito sociale, vedeoggi tre Club collegati a case circondariali – I Bisonti a Frosinone, La Drola a Torino, La Dozza a Bologna – partecipare regolarmente al Campionato di Serie C, mentre in altri istituti di detenzione il rugby è stato introdotto come attività ricreativa e di recupero.

Lunedì 12 settembre alle ore 13, in vista del calcio d’inizio della stagione 2016/2017 che li vede inseriti nel girone regionale laziale, i Bisonti di Frosinone ospiteranno per un’amichevole di preparazione la selezione dell’Università LUISS di Roma: un incontro di avvicinamento agli impegni agonistici, ma anche la possibilità per due realtà molto lontane tra loro nell’immaginario collettivo di conoscersi reciprocamente condividendo i valori caratteristici del gioco del rugby.

Nota per le redazioni

Lunedì 12 settembre alle ore 11.30, presso la Casa Circondariale “G. Pagliei” di Frosinone, il Presidente del CONI Giovanni Malagò ed il Presidente della FIR Alfredo Gavazzi presenteranno alla stampa ed alle autorità presenti il “Progetto Carceri della FIR”.

Interverranno alla conferenza stampa il Consigliere Federale FIR responsabile del progetto, Stefano Cantoni, e rappresentanti delle Società affiliate a FIR militanti in competizioni nazionali collegate ad istituti penitenziari.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 settembre 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *