Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Polizia di Varese in soccorso alle popolazioni terremotate

image_pdfimage_print

Cattura2VARESE, 5 settembre 2016- Anche la Polizia di Stato di Varese partecipa attivamente alle attività di soccorso e sostentamento delle popolazioni terremotate del centro Italia.

Ieri, domenica 4 settembre, dall’edificio di Piazzale Libertà sono partirti due furgoni della Polizia di Stato pieni di scatoloni contenenti il materiale necessario a dare sostegno a chi è stato colpito dal sisma.

Niente vestiti né cibo, perché di quelli già le azioni di solidarietà, che sono giunte da tutta Italia, hanno riempito i vari punti raccolta; il pensiero si è concentrato soprattutto sui più piccoli, con la raccolta di giocattoli e materiale per la scuola, che presto vuole essere riaperta, ma anche tutto il necessario per l’igiene personale, la cura della persona e quanto altro possa servire alle vittime di questo evento tragico, per accompagnarle nel rientro verso la quotidianità e per affrontare il freddo che si appresta ad arrivare.

Il tutto si è svolto nell’arco di poco più di una settimana: dalla richiesta di aiuto, alla partenza verso Rieti all’alba di ieri, quando personale volontario della Polizia Scientifica si è messo in moto con i due furgoni con colori d’istituto per arrivare in tarda mattinata presso lo stadio del Rugby della città di Rieti a consegnare il materiale raccolto.

Alla raccolta, la cui proposta è stata accolta sin dal primo istante con entusiasmo, hanno partecipato tutti i poliziotti della Questura di Varese, senza distinzioni di qualifiche, dal Questore all’Agente, con la stessa gioia che accomuna le persone che possono contribuire, anche con piccoli gesti, ad aiutare concretamente chi ha bisogno.

La gioia di #essercisempre!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 settembre 2016. Filed under Cronaca,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *