Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Cachemire, il segno in movimento”, continua la mostra a Cernobbio

image_pdfimage_print

CACHEMIRE_immagine_mostra_no_info_bCERNOBBIO, 5 settembre 2016- Una goccia dalla punta ricurva declinata in innumerevoli varianti, un disegno seducente di origini antichissime che richiama immaginari esotici, mondi lontani e non solo: tutto questo è il boteh/cachemire (o paisley), uno dei motivi decorativi che hanno attraversato la storia del tessuto e della moda mantenendo inalterato il proprio fascino.

Al boteh è dedicata la mostra “Cachemire, il segno in movimento”, organizzata dalla Fondazione Antonio Ratti (FAR) in collaborazione con il Comune di Cernobbio e curata da Margherita Rosina e Francina Chiara, che si tiene fino al 18 settembre 2016 nelle due sedi di Villa Sucota a Como e di Villa Bernasconi a Cernobbio.

Il disegno cachemire, un classico contemporaneo presente negli archivi storici di moltissime manifatture tessili comasche, è un banco di prova per le capacità di tutti gli operatori della filiera tessile – dal disegnatore alla maestranze – che hanno consentito all’industria locale di affermarsi nel mondo.

Attraverso i circa 150 pezzi esposti – tra tessuti, scialli, abiti, accessori e cravatteria – la mostra guida il visitatore in un percorso alla scoperta dell’evoluzione e interpretazione del motivo in epoche e Paesi diversi.

La mostra

Il percorso cronologico e tematico della mostra valorizza i tessuti antichi delle collezioni della FAR e quelli moderni provenienti da aziende del territorio lariano che, grazie ai loro archivi storici, hanno interpretato in molteplice varianti un disegno antico e carico di suggestioni rinnovandolo costantemente.

Sono in mostra scialli indiani ed europei della collezione di Antonio Ratti, industriale serico comasco che fece della passione per il motivo cachemire un segno identificativo della sua produzione: pezzi mai esposti prima restaurati per l’occasione.

La selezione di abiti spazia dalla metà dell’Ottocento al contemporaneo. Tra i pezzi storici, di particolare interesse un mantello da sera ricamato di Drecoll del 1907, un caraco di velluto medio-orientale della fine del XIX secolo e una vestaglia kimono conservata nel guardaroba di Gabriele D’Annunzio al Vittoriale; tra i pezzi contemporanei un abito di Valentino Boutique indossato da Patty Pravo per un servizio su Vogue, uno chemisier in pizzo bianco di Daniel Hetcher, e, tra gli altri, capi di Mila Schön, Lancetti e Gianfranco Ferré Haute Couture.

La storia del motivo cachemire

La storia del motivo cachemire è molto antica, risalendo addirittura alle grandi civiltà mesopotamiche. Sviluppatosi successivamente nella regione indiana del Kashmir per decorare gli scialli indossati da uomini e donne al fine di proteggersi dal rigido clima invernale, giunge in Europa grazie ai traffici commerciali avviati nel Seicento dalle Compagnie delle Indie. Raggiunge la popolarità in epoca napoleonica anche grazie alla figura di Josephine Beauharnais, prima moglie di Napoleone e icona della moda Impero, che nel 1809 risulta possedere ben 33 abiti confezionati con preziosi scialli cachemire provenienti dall’India.

A partire dagli anni Trenta del XIX secolo l’Europa inizia la produzione di scialli operati e successivamente stampati, interpretando la tradizione indiana con modalità proprie. Dalla seconda metà dell’Ottocento il motivo a goccia curvilinea si contamina con la voluta barocca; vengono prodotti allora non solo scialli ma sete sontuose, lane leggere, nastri e merletti caratterizzati da un forte esotismo che non ha limiti geografici nelle sue fonti d’ispirazione.

Nel XX secolo il motivo cachemire riscuote grande fortuna in tre momenti storici: gli anni fra le due guerre mondiali quando la cravatteria e l’accessorio maschile ne scoprono l’attrattiva segnando l’inizio della fortuna tessile comasca nel settore; il secondo dopoguerra quando si gettano le basi dello sviluppo vertiginoso del distretto tessile lariano; il boom degli anni Ottanta in cui foulard, scialli e tessuti a motivo cachemire diventano il “must have” di ogni donna elegante. Sono gli anni in cui le manifatture comasche conoscono una nuova ascesa realizzando per sarti di alta moda e prêt à porter internazionale una miriade di soluzioni decorative destinate alle passerelle di Milano e Parigi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 settembre 2016. Filed under Arte. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *