Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Rete Donna e la valutazione del rischi violenze: primo incontro oggi in Sala Montanari

VARESE, 7 settembre 2016 – Il Comune di Varese, in qualità di Ente Capofila della Rete Interistituzionale di Varese per il contrasto e la prevenzione della violenza nei confronti delle donne, nell’ambito del progetto “Rete Donna”, ha organizzato un corso di formazione sulla valutazione del rischio, metodo Sara-Plus. La valutazione del rischio, con riferimento a quanto previsto dalle normative nazionali e regionali, è di fondamentale importanza per individuare i fattori di rischio per la donna e per monitorare e studiare il fenomeno della violenza sulle donne. 

 Il primo appuntamento è per oggi in Sala Montanari a Varese. Le prossime date sono l’8 e il 9 settembre 2016. Il corso ha l’obiettivo di formare le operatrici e gli operatori dei diversi punti di accesso per la donna vittima di violenza al fine di mettere in atto azioni di prevenzione e di protezione della vittima. In particolare il corso si rivolge agli attori della rete interistituzionale di Varese: Comuni dei Distretti – Servizi Sociali, Centri Antiviolenza, Case rifugio, Sistema sanitario e socio sanitario (Consultori e Pronto Soccorsi) e Forza dell’Ordine. Il corso sarà tenuto da Anna Costanza Baldry professore associato, psicologa, psicoterapeuta, criminologa, Responsabile CESVIS – Centro Studi vittime SARA, Dipartimento di Psicologia, Seconda Università degli Studi di Napoli, da anni impegnata nel contrasto al fenomeno della violenza contro le donne, che ha introdotto in Italia il metodo per la valutazione del rischio di recidiva e che ha preso parte alla stesura delle linee guida per la proposta di inserire il Sara Plus come metodo nazionale.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 7 settembre 2016. Filed under Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *