Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Aiutateci a salvare Curiglia”, arriva in Regione l’appello del sindaco

image_pdfimage_print

cuVARESE, 8 settembre 2016- Curiglia, caratteristico paese situato nella valli del luinese, ha bisogno di maggiore visibilità e anche qualche aiuto finanziario da parte della Regione, perchè non scompaia.

Insomma, bisogna salvare uno tra i più bei paesi del varesotto, così pregno di tradizioni popolari e con uno stile di vita che ricalca quello del passato senza dimenticare di essere proiettato in un futuro dove il bello deve assumere ancora la giusta funzione di collante tra le varie generazioni.

<<Ormai da più di 10 anni non abbiamo scuole ne’ asili e i bambini si recano a scuola a Luino o a Dumenza. Fino allo scorso anno ero io che tutte le mattine accompagnavo i bimbi a scuola. Quest’anno non potrò più fornire questo servizio e cercheremo di trovare le risorse per pagare un autista>>, queste alcune riflessioni esternate dal sindaco Ambrogio Rossi, tramite una lettera inviata alla consigliera regionale Paola Macchi di M5Stelle.

La stessa Macchi che ha voluto rendere partecipe del problema il presidente della Regione Roberto Maroni

Gentile Presidente mi è pervenuta questa lettera accorata da parte del sindaco e di un cittadino luinese.
Non so quale possa essere una possibile soluzione, credo però sia davvero un delitto lasciar morire uno dei paesi più tipici che abbiamo.
Da varesino conoscerà sicuramente il sentiero dei mille gradini che porta lassù e la magia del posto, che non andrebbe solo salvato ma valorizzato da un punto di vista turistico.
Grazie, cordiali saluti

Paola Macchi 

Consigliere Regionale – Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle

Lettera allegata

curiglia-con-monteviasco-lettera-alla-regione

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 settembre 2016. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *