Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Pasta all’amatriciana e hamburger di trota domenica in Piazza San Vittore per aiutare i terremotati

image_pdfimage_print

terreVARESE, 8 settembre 2016- Un ambizioso obiettivo: cucineremo 2000 piatti di AMATRICIANA e 2000 HAMBURGER di TROTA dei nostri laghi per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto. DOMENICA 18 settembre  NON STOP dalle ore 11,00 alle ore 21,00 VARESE PIAZZA SAN VITTORE

L’Amministrazione Comunale di Varese, Aime e gli imprenditori della Provincia di Varese, si stanno mobilitando per raccogliere fondi da inviare alle zone terremotate.

Una tragedia di vaste proporzioni che ha colpito al cuore interi paese del centro Italia, territori ricchi di bellezze naturali ed architettoniche.

Nel 2016 non è accettabile che si possa morire e perdere tutto per un terremoto.

Oggi tutti gli Italiani sono mobilitati per sostenere quelle popolazioni, i soccorsi sono stati immediati ed efficienti, da tutto il paese stanno arrivando aiuti e sostegni morali ed economici.

In questa fase non servono più aiuti alimentari e vestiari, ma risorse economiche che aiutino quelle zone a riappropriarsi della propria vita e ridisegnare il proprio futuro.

Dobbiamo compiere tutti gli sforzi possibili per sostenere quei territori a partire dalla ricostruzione delle scuole, delle case in particolare delle attività economiche che sono e saranno la linfa vitale per il futuro di queste zone.

Ecco che AIME e l’Amministrazione Comunale di Varese, diverse e moltissime realtà associative, imprenditori si sono mobilitati da subito e tutt’ora sono impegnati nell’organizzare straordinari momenti aggregativi per raccogliere fondi.

Nasce dalla volontà di diverse realtà Comunali il progetto: L’AMATRICIANA PER AMATRICE.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 settembre 2016. Filed under Sociale,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *