Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sterline di plastica: anche la Gran Bretagna abbandona la carta filigranata

sterlina_plasticaLONDRA, 13 settembre 2016-Il Regno Unito si e’ aggiunto al novero dei paesi che hanno messo in circolazione banconote di plastica dopo l’Australia, il Brasile, il Canada e la Romania, primo paese europeo ad adottarle. La novita’ riguarda per ora il nuovo taglio da cinque sterline, da oggi nei portafogli degli inglesi, che rappresenta il volto di Winston Churchill corredato da un passaggio del suo celebre discorso in Parlamento del 13 maggio 1940: “Non ho niente da offrirvi se non sangue, fatica, lacrime e sudore”. Ne sono stati emessi finora 440 milioni di esemplari.

La banconota e’ costituita di una pellicola in polimero che garantira’ una durata superiore di almeno due anni e mezzo a quella della carta moneta, spiega il governatore della Bank of England, Mark Carney. “L’uso del polimero significa che la banconota puo’ resistere meglio all’essere infilata ripetutamente nei portafogli o accartocciata in tasca e puo’ anche resistere a un giro in lavatrice”, ha spiegato ancora Carney. Presenti anche misure di sicurezza che renderanno la banconota piu’ difficile da falsificare, tra cui due immagini in filigrana che rappresentano il Big Ben e la regina Elisabetta II, al momento unica donna rappresentata sulle sterline. Churchill ha infatti sfrattato dalle cinque sterline la filantropa Elizabeth Fry, il che ha suscitato qualche polemica in patria, risolta annunciando che il nuovo taglio da dieci sterline ospitera’ invece il ritratto della scrittrice Jane Austen. Sulle venti sterline in polimero, in circolazione dal 2020, apparira’ invece il grande pittore romantico William Turner. (AGI)

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 settembre 2016. Filed under Economia,Esteri,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *