Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Matteo Renzi firma il “Patto per Milano” con il sindaco Sala

renzi-a-palazzo-marino-3-ansaMILANO, 13 settembre 2016– Milano è “il punto di riferimento più avanzato per noi, una città che ha saputo fare le cose anche quando altre suggerivano di non farle, e il riferimento a Expo è puramente voluto”. Lo ha detto, tra l’altro, il presidente del consiglio Matteo Renzi poco prima di firmare – insieme al sindaco Giuseppe Sala – il Patto per Milano, un accordo che vale due miliardi e mezzo di investimenti, di cui 650 milioni già finanziati per coprire il biennio 2017-2018.“La giornata meneghina del premier era iniziata con l’inaugurazione del cantiere del nuovo centro direzionale di Siemens, in via Vipiteno, ed è proseguita a Palazzo Marino. “Milano – ha affermato ancora Renzi – è un crogiuolo di possibilità, di opportunità, di curiosità. A condizione di tenere insieme la concretezza e la capacità di sognare, di avere un ideale e una visione”.

Gli interventi principali del Patto riguardano i trasporti ma anche la riqualificazione delle case popolari: su questo punto si prevede un investimento di 174 milioni, di cui 30 appena stanziati per i primi interventi. E poi la gestione del rischio idrogeologico (151 milioni in due anni per ridurre il rischio di inondazioni di Seveso e Lambro), l’equilibrio finanziario della Città metropolitana (che ha bisogno di 25 milioni per chiudere il bilancio in pareggio) e altro ancora.

Le contestazioni all'esterno

Le contestazioni all’esterno

Ma si è anche parlato di sicurezza (ormai certa la presenza, in un prossimo futuro, di un maggior numero di militari dell’esercito in città) e del progetto Human Technopole sull’area ex Expo 2015. Secondo Renzi, “Milano è la città di riferimento per l’Italia nel mondo. E’ una città leader e questo la porta ad avere oneri e responsabilità”. Il presidente del consiglio ha poi ricordato i “primati” meneghini (l’impresa, il volontariato) e ha aggiunto che “Milano è la città a cui ispirarsi e che deve portare il nostro Paese fuori da questa situazione”.

 

 
A Palazzo Marino era presente anche Roberto Maroni, presidente della giunta regionale lombarda, che ha lanciato una ‘frecciata’ al premier: “Facendo le proporzioni, ora Renzi dovrebbe firmare anche un Patto per la Lombardia, il cui valore dovrebbe essere di sette miliardi e mezzo”. Stando a Maroni, “Renzi ad oggi ha firmato patti solo con nove regioni del Sud, mentre chiediamo che venga firmato anche un patto per la Lombardia”.“ (Milanotoday-foto Ansa)
image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 settembre 2016. Filed under MILANO,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *