Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Incidente mortale in via Dei Mille: cordoglio dall’amministrazione comunale

image_pdfimage_print

polizia-locale-varese-300x225VARESE, 15 settembre 2016 – “L’amministrazione comunale esprime tutto il suo cordoglio ai famigliari della ragazza vittima del tragico incidente che si è verificato ieri sera in viale dei Mille a Varese. La Polizia locale è già al lavoro per assicurare alla giustizia il pirata della strada che ha travolto la ragazza e si è dato alla fuga subito dopo l’incidente senza fermarsi a prestare i dovuti soccorsi. “Non possiamo non costatare che purtroppo quello della troppa velocità o della guida sotto effetto dell’alcol è ancora una piaga sociale che è causa di incidenti con conseguenze tragiche”. Per questo motivo l’amministrazione comunale di Varese sta incrementando, già dai primi giorni di insediamento, i controlli stradali volti a far rispettare i limiti di velocità e a verificare che chi si mette alla guida di un automobile non lo faccia sotto effetto di alcolici o altro”.

“Fermezza e rigore nei confronti di chi non rispetta il codice della strada mettendo in pericolo gli altri – è il commento dell’amministrazione comunale di Varese -. Tragici episodi come quello di oggi ci spronano ancora di più a un maggior rigore nei controlli stradali perché le nostre strade non devono assolutamente diventare luoghi insicuri per i cittadini. La Polizia locale è già in campo con tutte le sue forze disponibili per aumentare i controlli ma chiediamo anche la massima collaborazione da parte di tutti i cittadini perché le nostre strade sono un luogo di tutti, pedoni, ciclisti e automobilisti, e devono essere luoghi sicuri. Ci auguriamo che il pirata della strada si consegni presto alla Polizia locale per rispondere di quanto accaduto”.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 15 settembre 2016. Filed under Cronaca,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *