Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

The Vamps in concerto al Fabrique di Milano, unica data italiana

vamMILANO, 18 ottobre 2016- I The Vamps sono lieti di annunciare il loro ritorno in Italia per un live unico! Appuntamento fissato SABATO 5 novembre 2016 presso il Fabrique di Milano.

Grazie al successo delle cover pubblicate su YouTube, il cui canale conta più di un milione e mezzo di iscritti, la band è stata contattata e scelta per aprire i concerti di numerosi artisti nel Regno Unito, tra cui anche McFly, Selena Gomez eTaylor Swift.

Il 15 Aprile 2014, hanno pubblicato il loro album di debutto “Meet The Vamps”. Al contrario delle tante boy band, alle quali vengono paragonati, i giovani inglesi scrivono e suonano le loro canzoni.

La band è riuscita sin da subito a conquistare il pubblico italiano, balzando direttamente nella Top Ten nazionale con il loro album di debutto in un’edizione speciale dedicata ai fan italiani. La loro prima apparizione italiana, tenutasi a Roma il 15 febbraio 2014, ha raccolto moltissimi fan adoranti. A fine 2015, con l’uscita del loro secondo album, “Wake Up”, per ringraziare l’amore dei fan italiani, fanno una special release italiana della title track e un duettano con Moreno nella canzone “Volcano”.

Giovanissimi, i componenti della band hanno tra i 18 e 21 anni, sono spesso presi ad esempio per l’impeccabile uso di social networks e piattaforme di condivisione musicale. Infatti hanno una delle fanbase più numerose del momento.

I The Vamps sono una band inglese formatasi nel 2012 dall’idea di James McVey, attuale chitarrista. Attraverso YouTube ha arruolato il cantante Bradley Simpson per poi contattare, attraverso Facebook, Tristan Evans, batterista, seguito dall’ultimo arrivato, Connor Ball.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 18 ottobre 2016. Filed under Musica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *