Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Commissariato il Molina. Cattaneo: “Ora ognuno si assuma le proprie responsabilità”

image_pdfimage_print

molinaVARESE, 25 novembre 2016- di GIANNI BERALDO-

Come molti si attendevano da tempo a partire da oggi  il Molina di Varese è stato Commissariato dall’Ats con dimissioni immediate di tutto il Cda.

Al presidente Christian  Campiotti e l’intero Cda si contesta una presunta gestione poco chiaa  della nota Casa di cura varesina.

Campiotti il quale, ricordiamo, non ha mai accettato l’invito a presenziare per  dare spiegazioni alle varie istituzioni tra cui il Consiglio comunale e successivamente al Consiglio regionale.

A margine della notizia, il presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo, in questi giorni impegnato a Varese per l’Assemblea Plenaria Calre, ha così commentato <<Ognuno ora si assuma le proprie responsabilità. Evidentemente qualcosa di grave è accaduto, altrimenti il commissariamento non si giustificherebbe. Adesso è il tempo di fare chiarezza fino in fondo>>.

Tra i primi a denunciare la situazione precaria (a detta dello stesso Mirabelli)  in fatto di garanzie era stato il consigliere comunale del PD Fabrizio Mirabelli che ora dichiara <<Il commissariamento del Molina non mi sorprende. A questo punto, visti i comportamenti opachi di questi mesi, era un atto dovuto a tutti i varesini, ai lavoratori del Molina stesso, ai pazienti, ai loro familiari. Un risultato che è stato possibile conseguire grazie a tutti coloro che, al di là degli schieramenti politici, invece di tentare di minimizzare, hanno dimostrato di lavorare, davvero, per il bene comune e di avere a cuore Varese. Ora, sarà necessaria la massima trasparenza perché il Molina è un patrimonio di tutta la nostra città>>.

direttore@varese7press.it

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 25 novembre 2016. Filed under Cronaca,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *