Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Hotel extra lusso e viaggio business per il vice presidente della Lombardia in Sudafrica a promuovere aziende lombarde

image_pdfimage_print

Fabrizio Sala

MILANO, 20 dicembre 2016– Oltre 90 mila euro per una missione a Johannesburg. E’ questa la somma monstre sborsata dalla Lombardia per presentare le imprese lombarde al summit organizzato in Sudafrica dal Forum Ambrosetti il 18 e 19 ottobre scorso.

Il “pacchetto Johannesburg” (50 mila euro + IVA per un totale di 61 mila euro) prevedeva la partecipazione di 20 amministratori o delegati di aziende al summit con una cena di Gala e una due giorni d’incontri con delegazioni politiche e imprenditoriali locali.

La Lombardia ha portato in Sudafrica 4 aziende in tutto e un bel team di collaboratori dell’assessorato alloggiati nel 5 stelle luxury Hyatt Regency. Tra i costi di volo (16076 euro), vitto, spese telefoniche e spese di organizzazione incontri (15568 euro) il viaggio è costato più di 90 mila euro, troppo, per Gianmarco Corbetta, consigliere regionale del M5S Lombardia: “L’impressione che si ricava dalla partecipazione della Lombardia al summit Italia-Sud Africa è più quella di una costosissima gita a Johannesburg piuttosto che di una reale azione di promozione delle nostre aziende. Le potenzialità dell’evento non sembrano essere state sfruttate fino in fondo. Al contrario, su venti posti disponibili solo quattro aziende, due di cavi, una di tostiere e forni per pizze e una di vernici, delle migliaia in Lombardia, hanno accolto l’invito della Regione. Alla cena di gala erano previsti 20 imprenditori ospiti di Regione Lombardia; in realtà hanno partecipato 11 persone tra cui due consulenti a supporto delle aziende e lo staff dell’assessore”.

“Da Fabrizio Sala – aggiunge Corbetta – ci si attenderebbe una maggior capacità di programmazione per iniziative come questa che evidentemente è risultata poco attraente per le imprese. Quanto alla spesa di oltre 90 mila euro, tra biglietti aerei, utenze telefoniche e spese di organizzazione degli incontri d’affari, consulenti, transfer, interpreti e facilities degli incontri d’affari, ci piacerebbe sapere se si è trasformata in accordi commerciali o ordini almeno per le quattro imprese aderenti all’iniziativa”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 20 dicembre 2016. Filed under POLITICA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *