Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Carta dei Diritti del Lavoro”: un successo la raccolta firme della Cgil a Varese

image_pdfimage_print

20160618_165623VARESE, 30 settembre 2016- Dopo la campagna di raccolta firme per l’indizione dei tre referendum abrogativi su voucher, norme che impediscono il reintegro in caso di licenziamento illegittimo e norme che limitano la responsabilità solidale negli appalti, per cui erano state raccolte in provincia 48.000 firme (16.000 per ogni quesito referendario) si è conclusa anche la raccolta delle firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare per la ”Carta dei Diritti Universali del Lavoro”.

Siamo soddisfatti – dichiara Umberto Colombo, Segretario Generale Cgil Varese – per le tante adesioni: 16.565 firme raccolte in provincia (di cui 16.025 certificate) per la Carta dei Diritti Universali del Lavoro che si aggiungono alle 48.000 a sostegno dei tre referendum.

Il risultato della Cgil varesina (16.025 firme) si inserisce in quello raggiunto a livello nazionale a sostegno della Carta dei Diritti Universali (oltre 1 milione e 150 mila firme).

Le firme sono state portate da Varese a Roma e consegnate da Susanna Camusso al Presidente della Camera Laura Boldrini; consegna che simbolicamente ha coinciso con i festeggiamenti dei 110 anni della Cgil.

Un importante risultato in provincia per la Cgil di Varese – dice Umberto Colombo Segretario Generale Cgil Varese – che dimostra quanto sia condivisa la nostra proposta per un’idea di lavoro da tutelare valorizzando la funzione sociale, ridando diritti, democrazia e dignità ad un mondo del lavoro sempre più frantumato.

Questo ci impegna maggiormente – prosegue Umberto Colombo – per la forte iniziativa che la Cgil e il sindacato devono portare avanti, anche a Varese, perché il futuro del lavoro sia sempre coniugato con la tutela dei diritti fondamentali anche e soprattutto per le giovani generazioni.

Le firme raccolte sono state il risultato delle innumerevoli iniziative e dei gazebo organizzati grazie allo straordinario impegno dei nostri delegati ed attivisti, di tutto l’apparato della Cgil, nelle fabbriche, nei luoghi di lavoro, nelle leghe dei pensionati, nei mercati, nelle piazze, negli ospedali, all’aeroporto di Malpensa, agli eventi pubblici e alle manifestazioni (quali ad esempio il Varese Pride e la festa provinciale dell’Anpi).

Questo ci ha anche permesso di incontrare migliaia di lavoratori, pensionati e cittadini. Abbiamo riscontrato un grande desiderio di discutere di diritti e stato sociale.

Lo sforzo che ci ha visti impegnati in provincia (dal 9 aprile alla fine di settembre) deve continuare – conclude Umberto Colombo – per realizzare il nostro progetto che porti ad un nuovo statuto delle lavoratrici e dei lavoratori per diritti fondamentali che devono essere riconosciuti ed estesi a tutti, senza distinzione, indipendentemente dalla tipologia contrattuale e lavorativa prestata.

Vogliamo rimettere, anche a Varese, al centro del dibattito politico e culturale il tema del lavoro a partire dai diritti delle persone.

Ci pare il modo migliore per ringraziare le migliaia di lavoratori, pensionati e cittadini che con la loro firma sostengono la nostra battaglia.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 30 settembre 2016. Filed under Sociale,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *