Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Marco “Moch” Zanzi ricordato oggi al Salone Estense con presentazione del libro e concerto

image_pdfimage_print
Carlo Zanzi (al centro) con la Piedmont Brothres al Salone Estense

Carlo Zanzi (al centro) con la Piedmont Brothres al Salone Estense

VARESE, 24 settembre 2016- di GIANNI BERALDO-

E’ trascorso poco più di un anno (6 agosto 2015)  da quando Marco “Moch” Zanzi ha lasciato questa terra, dopo aver combattuto a lungo (senza mai darlo a vedere) contro il cancro.

Musicista, polistrumentista e cofondatore insieme allo statunitense Ronald Martin della Piedmont Brothers,  Marco è stato un profondo conoscitore della musica country, bluegrass e folk americana, ma soprattutto una persona semplice, intelligente e cordiale con tutti.

Per questo oggi pomeriggio al Salone Estense (location cambiata all’ultimo momento)  tanti hanno voluto ricordare “Moch”, in occasione della presentazione ufficiale di un bel libro intitolato  ‘Marco Mock Zanzi, the banjoman’ (Pietro Macchione editore) a lui dedicato e scritto da suo fratello Carlo, scrittore e giornalista unito a Marco certamente dall’imprescindibile fattore genetico, ma anche per tutto ciò che di positivo ha caratterizzato la loro vita insieme.

Il libro racconta le varie vicende e storie artistiche che hanno caratterizzato la vita di Marco,  ma è anche il diario degli ultimi due anni di vita di Mock, segnati da un male incurabile affrontato con il coraggio dato dalla fede in Dio e dall’amore per la vita. La seconda parte del volume raccoglie alcune testimonianze di chi ha conosciuto Marco e lo ha apprezzato.

Carlo Zanzi

Carlo Zanzi

A questo particolare e sentito appuntamento culturale presentato direttamente dall’autore del libro (molto bella la copertina: un disegno in bianco e nero di Marco Zanzi ritratto durante un concerto), non potevano certamente mancare i compagni e amici di sempre: i suoi “compari” della Piedmont Brothers che hanno interpretato molti pezzi tratti sia dal disco solista dello stesso Marco, che  quelli registrati come band.

Sindaco in prima fila con Civati e Bertocchini (ultimo a dx)

Sindaco in prima fila con Civati e Bertocchini (ultimo a dx)

Concerto intervallato da brevi-a volte pure struggenti-ricordi di Marco tratti da alcuni capitoli del libro,  al quale si sono aggiunti alcuni musicisti locali e non solo come il cantautore varesino Lorenzo Bertocchini, amico e grande estimatore di “Moch”.

Un bel pomeriggio in compagnia di tanti amici e sinceri estimatori di Marco Zanzi. Appuntamento, organizzato dalla Biblioteca Civica di Varese, al quale hanno presenziato anche il sindaco Davide Galimberti e l’assessore all’Urbanistica Andrea Civati, ricordando come durante il loro mandato amministrativo la cultura occuperà sempre un posto prioritario perchè <<Varese è una città che merita di crescere anche culturalmente anche grazie alle tantissime attività che vengono svolte da parte di tanti cittadini e organizzazioni. Come in questo caso>>.

direttore@varese7press.it

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 24 settembre 2016. Filed under Musica,Spettacoli&Cultura,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *