Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Svolta nelle indagini furti nelle scuole bustocche: indagato 25enne italiano

La scuola Bertocchi dove sono avvenuti alcuni furti

La scuola Bertacchi dove sono avvenuti alcuni furti

BUSTO ARSIZIO, 6 ottobre 2016- C’è una svolta nelle indagini sulla serie di furti che da questa estate prendono di mira gli istituti scolastici di Busto Arsizio.

Nei giorni scorsi gli investigatori del Commissariato della Polizia di Stato di via Candiani – da tempo alla ricerca di tracce utili per risalire all’identità degli autori e di elementi di prova per inchiodarli alle loro responsabilità – sviluppando voci circolanti negli ambienti della piccola criminalità hanno ritrovato parte della refurtiva, in particolare due di cinque p.c. portatili rubati nella notte tra il 22 e il 23 settembre dalla scuola “Bertacchi” di via Pindemonte e una lavatrice asportata ai primi di luglio dalla scuola materna “Villa Sioli” di via XX settembre. Uno dei computers e l’elettrodomestico sono stati recuperati nelle parti comuni di un condominio di via Cellini, sempre a Busto Arsizio, mentre il secondo portatile è stato sequestrato in un negozio di usato a Gallarate, dove era stato lasciato in conto vendita la mattina successiva al furto. Il venditore, regolarmente identificato dai gestori del negozio, corrisponde a E.M., venticinquenne italiano con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio (da ultimo era stato denunciato dal Commissariato per una serie di furti commessi con un complice all’interno dell’istituto “Tommaseo” lo scorso mese di marzo) che guarda caso abita proprio nel condominio di via Cellini nel quale sono stati trovati gli altri oggetti rubati. D’intesa con la Procura della Repubblica E.M., sospetto autore della serie di furti nelle scuole, è ora indagato per l’ancor più grave reato di ricettazione, in attesa dell’esito delle indagini scientifiche sulle tracce biologiche e dattiloscopiche acquisite dagli uomini del Commissariato durante i sopralluoghi. Sono inoltre in corso accertamenti per individuare e stabilire la provenienza di altri computers venduti da E.M. tramite lo stesso negozio di articoli usati.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 6 ottobre 2016. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *