Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Nomadi di etnia Rom scatenati a Varese e provincia con diversi furti nelle abitazioni

image_pdfimage_print

ladriVARESE, 7 ottobre 2016– Nel corso della mattinata di ieri 6 ottobre, gli equipaggi della Squadra Volante della Questura varesina sono stati impegnati per diverse segnalazioni di tentativi di truffe e furti perpetrati da giovani di etnia ROM.

L’attenta attività di controllo del territorio ha permesso ai poliziotti di individuare, dapprima, nel centro cittadino 2 individui che, con fare sospetto, si aggiravano tra i negozi ed in prossimità di istituti bancari frequentati da anziani.

I due soggetti, domiciliati in un campo nomadi del milanese, sono stati accompagnati presso gli Uffici della Questura, dove dagli accertamenti sono emersi a loro carico precedenti per reati contro il patrimonio e pertanto è stato emesso e notificato nei loro confronti il Foglio di Via dalla città di Varese.

Nella stessa mattinata sono state sorprese due giovani di etnia ROM, di 23 e 25 anni domiciliate presso il campo nomadi di Gallarate, senza giustificato motivo all’interno di uno stabile nel rione di Biumo.

La prontezza di un residente, che ha chiamato il numero di emergenza, ha permesso agli agenti della Volante di fermarle prima che potessero portare a termine il  “lavoro”.

Infatti la più giovane delle due nomadi è stata trovata in possesso di un grosso cacciavite, occultato tra i vestiti, e degli attrezzi di plastica opportunamente sagomati per l’apertura delle porte.

Dai successivi accertamenti, la 23enne è risultata destinataria anche di un provvedimento restrittivo, per questo tratta in arresto e condotta al carcere di Como per scontare la pena di 1 anno e mesi 6 di reclusione.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 7 ottobre 2016. Filed under Cronaca,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *