Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Individuati i graffittari della Chiesa varesina: sono tre ragazzi di Bizzozzero

image_pdfimage_print
Graffiti (foto di repertorio)

Graffiti (foto di repertorio)

VARESE, 11 ottobre 2016-Avevano imbrattato la facciata della Chiesa e il muro del cimitero del quartiere di Bizzozero con diverse tags e veri e propri graffiti. Oggi la Polizia locale di Varese rende noto di avere individuato i responsabili. Gli agenti di polizia si sono messi subito al lavoro, forti dell’esperienza maturata negli ultimi anni e della banca dati costruita nel tempo. Si è così arrivati a identificare e denunciare i tre autori dei graffiti, due maggiorenni e un minorenne, tutti residenti a Varese nel quartiere di Bizzozero. Pur essendo delle nuove “firme” mai identificate prima, gli specialisti della Polizia locale sono riusciti ad individuarli grazie ad un’approfondita analisi dei canali “social” sui quali i writers sono apparsi, facendosi ritrarre mentre realizzavano le oro opere. Sulla rete erano addirittura disponibili dei video realizzati dagli stessi autori mentre producevano i graffiti.

“Questi ragazzi hanno commesso un atto molto grave forse senza nemmeno rendersi conto di quello che facevano visto che si sono addirittura ripresi con il cellulare mentre operavano, rendendosi pienamente individuabili. Per questo, pur restando inevitabile la loro denuncia all’autorità giudiziaria, credo sarebbe opportuno che si rendessero disponibili a ripulire e risistemare il muro della Chiesa e del cimitero. Intanto il plauso dell’amministrazione comunale va agli agenti della Polizia locale per l’ottimo lavoro svolto a contrasto del degrado cittadino”. Questo il commento di Daniele Zanzi, vicesindaco di Varese.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 ottobre 2016. Filed under Cronaca,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *