Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La denuncia di Federalberghi: “In provincia di Varese cresce l’abusivismo alberghiero”

hotelVARESE, 14 ottobre 2016– Il sommerso turistico cresce senza sosta ed inquina il mercato, dichiara Frederick Venturi, presidente di Federalberghi Varese, alla lettura del rapporto sul sommerso turistico, realizzato da Federalberghi nazionale con la collaborazione tecnica di Incipit e Inside Airbnb.

Ad agosto 2016, nella provincia di Varese, risultavano disponibili su Airbnb 1.028 alloggi, di cui:

– 65,76% riferiti ad interi appartamenti;

– 78,40% disponibili per più di sei mesi;

– 48,15% gestiti da host che mettono in vendita più di un alloggio.

Si tratta di dati inequivocabili, prosegue Venturi, che smascherano definitivamente le 4 grandi bugie della cosiddetta sharing economy:

– non è vero che si condivide l’esperienza con il titolare: la maggior parte degli annunci pubblicati su Airbnb si riferisce all’affitto di interi appartamenti, in cui non abita nessuno;

– non è vero che si tratta di attività occasionali: la maggior parte degli annunci si riferisce ad appartamenti disponibili per oltre sei mesi all’anno;

– non è vero che si tratta di forme integrative del reddito: sono attività economiche a tutti gli effetti, che molto spesso fanno capo ad inserzionisti che gestiscono più alloggi;

– non è vero che le nuove formule compensano la mancanza di offerta: gli alloggi presenti su Airbnb sono concentrati soprattutto nelle grandi città e nelle principali località turistiche, dove è maggiore la presenza di esercizi ufficiali.

Ne consegue che il consumatore è ingannato due volte: viene tradita la promessa di vivere un’esperienza autentica e vengono eluse le norme poste a tutela del cliente, dei lavoratori, della collettività, del mercato.

Chiediamo dunque che vengano definite nuove regole, capaci di mettere a fuoco con chiarezza il fenomeno e contrastare gli abusi, e che l’attività di vigilanza venga esercitata con efficacia.

Il nostro impegno, conclude Venturi, è volto a tutelare tanto le imprese turistiche tradizionali quanto coloro che gestiscono in modo corretto le nuove forme di accoglienza. La nostra associazione mette a disposizione degli organi di vigilanza le liste degli annunci pubblicati sui grandi portali, affinché vengano svolti gli opportuni controlli sulle attività irregolari.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 14 ottobre 2016. Filed under Economia,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *