Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Antonio Di Pietro oggi a Varese per problema Pedemontana: ” Via i pedaggi se Stato e Regione trovano un accordo”

image_pdfimage_print
Di Pietro con presidente Vincenzi

Di Pietro con presidente Vincenzi

VARESE, 20 OTTOBRE 2016- di GIANNI BERALDO-

<<E’ stato un incontro necessario e importante ma soprattutto utile. Per noi come società Pedemontana in quanto abbiamo potuto focalizzare e schematizzare le varie priorità espresse dal territorio. Importante anche per loro perché hanno potuto prendere atto che tutto quello che si può fare lo stiamo già facendo>>.

Come solito non usa mezzi termini o troppi giri di parole Antonio Di Pietro, attuale presidente della Società Pedemontana oggi a Villa Recalcati, sede della Provincia di Varese, per sedersi a un tavolo di confronto voluto dalla Provincia e dai dieci sindaci e altri amministratori locali e provinciali, in rappresentanza dei rispettivi Comuni interessati all’attraversamento della Pedemontana.

Il tavolo di confronto

Il tavolo di confronto

Un incontro durato circa due ore aperto dal presidente della Provincia Gunnar Vincenzi, durante il quale l’ex magistrato e leader politico (accompagnato da tecnici della società, ai quali spesso indicava le singole istanze) ha ascoltato con molto interesse appuntandosi con minuzia su vari fogli ogni singolo intervento.

Tavolo di confronto e dialogo avvenuto in un clima particolarmente sereno ma soprattutto costruttivo. Ma d’altronde con un personaggio come Di Pietro il tempo ha una valenza importante. Lui che dopo 5 minuti dall’inizio avvenuto alle 15 si era già tolto la giacca intento a fare chiarezza sulle varie richieste espresse dai rappresentanti territoriali.

<<le bozze di convenzione le abbiamo già inviate ai vari Comuni, e che ora dovranno essere approvate dai singoli consigli comunali. I lavori di compensazione previsti nel primo lotto sono quindi pronti per essere realizzati>>, aggiunge il presidente.

Chiarezza e sincerità termini cari a Di Pietro che pure in questa occasione ha voluto rimarcare, spiegando ai sindaci presenti l’attuale situazione progettuale, esecutiva e finanziaria dell’autostrada Pedemontana <<credo ci sia la necessità di farla, però crede anche che ci sia la necessità di un impegno comune: da parte nostra, della Regione ma anche da parte del Governo che non deve snobbare un’opera di questa portata. Al ministro Del Rio vorrei ricordargli di rispettare la gente che qui ogni giorno utilizza o vorrebbe usufruire di questa tangenziale per recarsi al lavoro compiendo tanti sacrifici anche economici>>.

Con gli allievi pasticcieri al termine dell'incontro

Con gli allievi barman al termine dell’incontro

Soddisfatti dell’incontro tutti i sindaci ai quali Di Pietro ha dedicato attenzione singolarmente, fissando degli appuntamenti personalizzati con i vari rappresentanti amministrativi che necessitino di ulteriori delucidazioni o garanzie sulla continuazione dei lavori.

Uno dei nodi cruciali è l’improponibile tariffa legata ai pedaggi, anche in questo caso Di Pietro ha una risposta <<come Pedemontana abbiamo già ridotto le tariffe anche quest’anno con un ribasso del 30%. Pensiamo inoltre di strutturarlo in maniera diversa tra chi utilizza Pedemontana per lavoro e chi invece per andare a passeggiare>>.

Nel giardino di Villa Recalcati

Nel giardino di Villa Recalcati

Poi la stoccata finale <<aldilà del pedaggio o meno sono dell’idea che queste importanti opere di collegamento con le autostrade, dovrebbero farsene carico le istituzioni. Perché quest’opera non viene regionalizzata o statalizzata e quindi liberalizzata? Nel caso si trovasse un accordo politico in tal senso, posso assicurarvi che la Società Pedemontana non si metterà di traverso, l’importante è almeno recuperare i soldi spesi per la sua realizzazione. Non vogliamo certo guadagnarci>>.

Insomma una vera apertura verso l‘annullamento dei pedaggi come d’altronde già accade in molte altre grandi tangenziali lombarde così come nel resto del Paese.

direttore@varese7press.it

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 20 ottobre 2016. Filed under Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *