Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Studenti del “De Filippi” di Varese in Consiglio regionale

studenti-varese-2MILANO, 24 ottobre 2016 – Il ruolo delle Regioni, le loro competenze, il valore e le prerogative delle Aule parlamentari per la difesa della democrazia. Per 60 studenti della scuola alberghieraDe Filippi” di Varese, la visita fatta stamattina a Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, è stata una vera e propria lezione di diritto costituzionale. Accompagnati dai docenti del plesso varesino, i ragazzi dopo essere saliti al Belvedere del Pirellone, hanno visitato il “Piano della memoria”, al 26esimo piano, dedicato ad Anna Maria Rapetti e ad Alessandra Santonocito – le due donne morte nell’incidente aereo del 2002 – e dove è ancora allestita la mostra Le età del Grattacielo”, dedicata ai 60 anni dalla costruzione di Palazzo Pirelli.

Gli studenti poi in Aula consiliare sono stati raggiunti dal Presidente del Consiglio regionaleRaffaele Cattaneo che ha spiegato loro, invitandoli a domande e a riflessioni, il ruolo del Consiglio regionale e le sue funzioni legislative nel campo della sanità, trasporto pubblico locale, governo del territorio, polizia locale, studenti-vareseProtezione civile e in alcuni settori dell’ambiente. “Questo – ha detto il Presidente Cattaneo – è il luogo della democrazia. L’importanza del lavoro che si svolge tra questi banchi è di estrema importanza per la democrazia perché consente, seppure in presenza di visioni contrapposte, di trovare una sintesi e indirizzare scelte e decisioni per il bene di tutti i cittadini. Vi invito a riflettere – ha aggiunto poi Cattaneo –  sul valore delle Aule parlamentari e della democrazia rappresentativa, cercando di conoscere sempre meglio le istituzioni che sono l’anima della democrazia”.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 24 ottobre 2016. Filed under MILANO. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *