Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sul caso Molina la Regione avvierà un’ inchiesta conoscitiva

molina

La Fondazione Molina di Varese

MILANO, 26 ottobre 2016– “L’annunciata decisione da parte dei vertici della Fondazione Molina di non presentarsi quest’oggi in Commissione Sanità è di una gravità inaudita ed è del tutto incomprensibile: hanno evidentemente voluto scegliere la via della opacità anziché quella della trasparenza, che sarebbe servita a tutti. Un comportamento di questo tipo è spiegabile soltanto pensando agli scenari più cupi: quando c’è un atteggiamento reticente è perché c’è qualcosa da nascondere” ha affermato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo che oggi ha partecipato alla Commissione Sanità. “C’è la necessità di fare chiarezza su questa vicenda alla luce del fatto che, come confermato dai vertici dell’ATS, il 45% delle entrate della Fondazione è rappresentato da finanziamenti regionali: i lombardi attraverso i rappresentanti in Consiglio regionale hanno tutto il diritto di sapere come sono state spese o investite queste risorse e se vi sono stati altri comportamenti discutibili. Per questo motivo, ho proposto al Presidente della Commissione Sanità Rolfi di avviare una indagine conoscitiva, come previsto dal Regolamento e dallo Statuto del Consiglio regionale, proprio per poter acquisite tutti gli elementi utili e diradare la nebbia che si è creata attorno alla Fondazione Molina e per avere finalmente la trasparenza richiesta rispetto a questo caso. La Regione non ha paura di conoscere la verità e mi auguro che anche il sindaco di Varese voglia fare altrettanto mettendo in atto iniziative concrete per ottenere la dovuta trasparenza su questo caso, in passato sempre chiesta dal Partito Democratico”.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 26 ottobre 2016. Filed under Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *