Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Rissa a Luino: arrestate tre persone

caraLUINO, 27 ottobre 2016- I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Luino hanno arrestato nella serata di ieri, un 28 enne marocchino, un 25 enne italiano ed una 39 enne italiana, tutti noti alle forze dell’ordine e residenti a Luino, per rissa aggravata, lesioni personali, porto abusivo d’arma e minacce aggravate.

I militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Luino alle ore 14.30 di ieri su richiesta di privati cittadini, sono intervenuti in piazza Piave di Luino per dirimere una rissa scaturita per futili motivi, la cui natura è in corso di accertamento; i contendenti, già vistosamente sanguinanti all’arrivo dei militari,  riportavano lesioni giudicate guaribili da grammi 10 a grammi 30; nella circostanza partecipavano non attivamente alla rissa anche una 21 enne ed un 17 enne, entrambi italiani ed incensurati, che venivano denunciati a piede libero per minacce aggravate e porto abusivo di arma; la 21 enne infatti durante le fasi concitate della rissa, ha armeggiato un coltello da cucina nei confronti del 28 enne marocchino, senza colpirlo, mentre il 17 enne minacciava i contendenti.

I tre arrestati dopo aver ricevuto le cure del caso da parte dei sanitari del 118 intervenute con due ambulanze, sono stati arrestati e rinchiusi presso la Casa Circondariale di Varese, ad eccezione della 39 enne che è stata associata presso quella di Como.

Nella circostanza, le indagini dei Carabinieri hanno portato anche al sequestro di una carabina ad aria compressa e 5 cartucce, scoperta durante la perquisizione presso l’abitazione del 25 enne italiano, che non è stata utilizzata durante la contesa, ma mostrata con intenzioni bellicose.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 27 ottobre 2016. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *