Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Calcio femminile: il Tavagnacco in casa contro San Zaccaria

image_pdfimage_print

tavaTAVAGNACCO, 28 ottobre 2016- Riparte la serie A di calcio femminile. Dopo lo stop per gli impegni della Nazionale, il Tavagnacco torna in campo ospitando, al comunale di via Tolmezzo, il San Zaccaria. La sfida, valida per la terza giornata di Campionato, andrà in scena sabato 29 ottobre alle 15. Il Tavagnacco la affronta dopo la vittoria ottenuta all’esordio stagionale con il San Bernardo Luserna (la seconda giornata sarà recuperata martedì 1 novembre a Verona), mentre il San Zaccaria arriva in Friuli dopo due sconfitte consecutive.

La voglia di giocare, in casa gialloblu, è grande, come conferma mister Amedeo Cassia. «La squadra sta bene, ci siamo allenati tutta la settimana con l’intensità giusta. Non vediamo l’ora di tornare in campo per ripartire da dove ci siamo interrotti, quasi un mese fa. Sarà una partita molto difficile – afferma Cassia – in quanto il San Zaccaria è una squadra ostica. Dovremo essere brave a scardinare la loro difesa». Cassia chiederà alle sue giocatrici di scendere in campo con la giusta intensità fin dal fischio d’inizio. «Le ragazze hanno capito dove abbiamo sbagliato con il Luserna. Abbiamo intenzione di fare di tutto per portare a casa altri 3 punti».

Chi non vede l’ora di giocare è Sofia Del Stabile, che dopo i 4 gol segnati con la Nazionale Under19 in Macedonia, è desiderosa di fare bene anche con la maglia del Tavagnacco: «Siamo un bel gruppo, dobbiamo e vogliamo migliorare sempre di più per fare bene in campionato. Il nostro obiettivo è arrivare nelle prime quattro posizioni».

Nel match tra Tavagnacco e San Zaccaria farà il suo esordio il pallone ufficiale della serie A femminile, Athena, realizzato da Select appositamente per il calcio in rosa.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 28 ottobre 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *