Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Samuele Astuti oggi a Roma per manifestazione Pd: ” Il referendum è una tappa cruciale per il Paese”

Piazza del Popolo gremita

Piazza del Popolo gremita

ROMA,  29 ottobre 2016 – Il Segretario Provinciale del Pd di varese e Sindaco di Malnate, Samuele Astuti, si schiera a favore della proposta di riforma costituzionale. E lo fa partecipando alla manifestazione nazionale indetta dal Partito Democratico nazionale e motivando la sua scelta sul piano  politico e amministrativo
“Il referendum è una tappa cruciale per il nostro Paese: qualora passasse la riforma dimostreremmo innanzitutto che l’Italia è un Paese riformabile, in cui le istituzioni  sono in grado di adattarsi ai processi storici che  richiedono un cambiamento.
E il fatto che l’architrave di questo processo sia il Partito Democratico lo colloca pienamente nel panorama riformista europeo: un partito di una sinistra moderna, che è in grado di ascoltare tutti e fornire una proposta di futuro al Paese.

Alfieri e Astuti oggi a Roma

Alfieri e Astuti oggi a Roma

Aggiunge Astuti “Nei miei 5 anni e mezzo di mandato da Sindaco spesso mi sono scontrato con alcune delle debolezze strutturali del nostro sistema istituzionale, a cominciare dalla poca chiarezza dei rapporti tra Stato centrale ed Enti territoriali. La riforma del Titolo V mira a restituire un quadro chiaro della ripartizione delle competenze, chiarendo cosa spetta allo Stato e cosa alle Regioni o ai Comuni.
Inoltre, il superamento delle Province iniziato con la Legge 56/14 (c.d. Legge Del Rio), richiede, per un completamento, l’approvazione della riforma.
Più in generale, ritengo che non sia più procrastinabile l’esigenza di un procedimento legislativo ordinario più snello e lineare che possa dare certezze a noi amministratori”

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 29 ottobre 2016. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *