Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Giro d’Italia 2016: il tedesco André Greipel vince in volata a Benevento

image_pdfimage_print

10e5d94a-21f6-452f-bfa1-ebec378974caBENEVENTO,  11 maggio 2016 – Il corridore tedesco André Greipel (Lotto Soudal) ha vinto la quinta tappa del 99º Giro d’Italia, da Praia a Mare a Benevento di 233 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Arnaud Demare (FDJ) e Sonny Colbrelli (Bardiani CSF).
Tom Dumoulin (Team Giant – Alpecin) indossa ancora la Maglia Rosa di leader della classifica generale della corsa.

Il vincitore André Greipel, subito dopo il traguardo, ha dichiarato: “È stata molto dura riagganciare i quattro corridori in fuga.

Dumoulin ancora in Rosa

Dumoulin ancora in Rosa

Fortunatamente le altre squadre ci hanno aiutato ma devo comunque ringraziare tantissimo il mio team. Hanno molti meriti nella mia vittoria. Prima della partenza ho detto che sarebbe stato un arrivo adatto a me, sono stato profetico. Ero dietro la caduta [di Rein Taaramae] ma ho trovato spazio e mi sono lanciato quando ho visto un’apertura ai 300m. Ho aspettato un attimo, poi ho dato tutto ed ora sono molto felice”.

La Maglia Rosa Tom Dumoulin, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Mi avevano detto che il Giro è una corsa molto difficile. Oggi ho imparato il perché. Abbiamo fatto su e giù tutto il giorno e il gruppo è esploso nel finale. Non mi sono preoccupato quando Bob Jungels è partito per la volata perché anche se avesse preso quattro secondi di abbuono non sarebbe stato un problema. Ho pensato solo a me stesso, era un finale molto difficile”.

RISULTATO FINALE
1 – André Greipel (Lotto Soudal) – 233 km in 5h40’35”, media 41,047 km/h
2 – Arnaud Demare (FDJ) s.t.
3 – Sonny Colbrelli (Bardiani CSF) s.t.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 maggio 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *