Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Marocco: la rivoluzione sta arrivando

image_pdfimage_print
La capitale Rabat (foto nonsoloturisti.it)

La capitale Rabat (foto nonsoloturisti.it)

RABAT, 6 novembre 2016- Di Riffian. Middle East Eye . Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo.

Come la maggior parte dei marocchini, Mouhcine Fikri era estremamente povero. Era un riffino – un Amazigh che proveniente dal Rif, la regione montuosa del nord del Marocco dove molti Amazigh vivono e una delle tante zone non-arabizzate del paese che il governo ha completamente emarginato al punto che alcune città sono senza acqua, elettricità, ospedali.

Mouhcine è stato colto dalla makhzen (la polizia marocchina) mentre vendeva pesce ottenuto illegalmente, confiscandolo. Come ogni istituzione in Marocco, la polizia è corrotta. Motivati dai salari bassi o semplicemente dall’avarizia nei loro cuori, i poliziotti chiedono una mazzetta ai cittadini per chiudere un occhio. Per Mouhcine, vendere pesce era l’unica fonte di guadagno per sopravvivere in un paese in cui è quasi impossibile trovare lavoro.

Quando la polizia gli ha chiesto dei soldi, ovviamente lui non poteva permettersi di pagarli. Gli agenti hanno gettato il pesce in un compattatore di rifiuti. Mohcine si è lanciato all’interno del camion della spazzatura per recuperare il pesce e con lui quattro altri uomini suoi amici. La polizia, come mostra un video che ha fatto il giro del web, aveva ordinato al conducente del camion di azionare il compattatore per distruggere il pesce: i quattro sono usciti dal compattatore in tempo, Mouhcine non ce l’ha fatta.

Incidenti come questi capitano tutti i giorni in Marocco, ma non tutti vengono registrati. E anche se venissero registrati, i media marocchini, manipolati, non li mostrerebbero ed è per questo che così tanti cittadini non hanno idea di tutta una serie di realtà del paese: il governo non mostra niente che vada contro il re Mohammed VI.

La morte di questo ragazzo Amazigh ha aperto gli occhi dell’interna nazione, facendogli gridare: “Basta”. Migliaia di persone sono scese in strada ad Al-Hoceima per protestare contro l’incidente. “Se è successo a lui, potrebbe succedere a chiunque. Questa storia deve finire, non è giusto”, ha detto uno dei manifestanti. Anche se più frequente nelle zone emarginate, la brutalità della polizia può accadere ovunque in Marocco. La lotta della popolazione Amazigh in Marocco è viva, dove il governo panarabista etichetta come “tradizioni selvagge” tutto ciò che concerne con la loro cultura, la loro lingua e le loro persone. L’incidente nel Rif è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Per questo ci sono proteste in ogni città del paese, chiedendo al governo un cambiamento.

La gente stava aspettando che la rivoluzione iniziasse in Marocco, ma l’oppressione e la paura sono sempre state un ostacolo sulla strada verso la libertà. Ma stavolta è diverso. Questo non è mai successo in Marocco. La gente non ha paura ed è pronta a lottare per quello che vogliono: una repubblica musulmana democratica, non una monarchia corrotta, formata dalla dinastia alawita, che ha venduto il nostro paese alle colonie e che, ancora oggi, continua ad agire solo per proprio interesse.

Speriamo che la morte di Mouhcine porti il cambiamento nel bellissimo paese che è il Marocco. (da www.arabpress.eu)

Riffian è lo pseudonimo di un giornalista marocchino. 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 6 novembre 2016. Filed under Esteri. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *