Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Giacomo Ogliari torna a correre nello Special Rally Circuit

Ogliari in azione (foto Alquqti)

Ogliari in azione (foto Alquati)

VARESE, 9 novembre 2016- Giacomo Ogliari è pronto a tornare a correre in un rally. Tra dieci giorni infatti, il driver varesino rimetterò tuta e casco dopo ben oltre otto mesi di assenza e come l’ultima volta, si metterà in gioco sugli asfalti di un circuito, quello di Monza.

Nel tracciato brianzolo si svolgerà il 1° Special Rally Circuit, gara che raccoglie il testimone dal “Monza by Vedovati” e che è proposta dallo stesso organizzatore bergamasco.

Il 19 e 20 novembre saranno in programma lo shake down e le due prove speciali che verranno riproposte due volte ciascuna per un totale di oltre sessanta chilometri.

“Jack Ogliari” tornerà a fare coppia con l’amico navigatore “Cobra”, anch’esso varesino, con cui ha gareggiato nel recente passato sia su Mitsubishi Lancer R4 che su Ford Fiesta R5. Ora la vettura prescelta è una Ford Fiesta World Rally Car preparata dalla Tam Auto, un bolide da oltre 300 cavalli che potrà permettere al forte driver della DPD Group di puntare al successo assoluto.

“La gara di Vedovati è sempre una bella occasione per rimettersi in auto dopo una stagione vissuta ai margini per via dei numerosi impegni di lavoro- racconta Ogliari. Prima del Monza Rally Show si possono ritrovare i giusti automatismi che vengono inevitabilmente a mancare. Per l’occasione io e “Cobra” ci ritroveremo nell’ abitacolo di una performante WRC di uno dei team privati più professionali d’Italia, ragione per la quale abbiamo l’obbligo di puntare in alto.”

Le prove speciali disegnate per l’occasione si chiameranno Vedovati (17,200 km) e Special Vedovati (17,300 km).

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 9 novembre 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *