Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Nascerà in Florida la prima città alimentata solo a energia solare

image_pdfimage_print

floMIAMI, 17 maggio 2016- Una volta terminato l’agglomerato urbano potrà ospitare 50mila abitanti in oltre 19mila appartamenti che dovranno essere alimentati da 75 megawatt di energia solare. L’ambizioso progetto, per altro, è conforme alle richieste del presidente Barack Obama che punta a portare al 25% entro il 2025 la produzione di energia necessaria al fabbisogno statunitense attraverso fonti rinnovabili. Così, in Florida è  pronta per nascere la prima città alimentata in tutto e per tutto con energia solare.

E’ quanto riporta In a Bottle (www.inabottle.it) sulle tendenze della vivibilità del futuro.

L’idea è stata realizzata da Syd Kitson, proprietario dell’agenzia immobiliare che ben 10 anni fa ha acquistato i terreni sui quali oggi si progetto la smart city del futuro. Ma quanto costerà una casa? Il prezzo degli appartamenti di Babcock Ranch oscilleranno tra i 200mila e gli 800mila dollari e il primo lotto di consegna – circa 1.100 appartamenti – è previsto per il 2017. L’obiettivo è quello di arrivare a 19mila immobili.

Oltre agli appartamenti è prevista la costruzione di una scuola, di uffici e negozi tutti alimentati con pannelli fotovoltaici. Inoltre si spingerà per la circolazione di mezzi elettrici o ibridi, mentre l’illuminazione stradale verrà gestita attraverso una rete di pannelli solari a batteria collegati per ogni punto luce che accumuleranno durante il giorno l’energia necessaria da diffondere nelle ore notturne.

I consumi saranno ottimizzati da una rete smart grid collegata con le abitazioni di coloro che vorranno produrre più energia di quella necessaria al loro fabbisogno per vederla a chi ne avrà necessità. L’agenzia Kitson & Partner ha acquistato 370 km di proprietà per un valore di 700 milioni di dollari e ne ha rivenduti 295 allo stato della Florida (per un valore di 350 milioni di dollari) con lo scopo di creare una riserva naturale.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 17 maggio 2016. Filed under Economia,Esteri,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *