Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il presidente Vincenzi replica a Longhin: “Sono amareggiato per quelle dichiarazioni insensate”

image_pdfimage_print
Il presidente della Provincia Vincenzi

Il presidente della Provincia Vincenzi

VARESE, 10 novembre 2016Leggo con stupore le dichiarazioni, fuori luogo, curiose ed insensate, rilasciate dal consigliere provinciale della Lega Nord Giuseppe Longhin per commentare l’esito dell’Assemblea dei Sindaci, durante la quale i primi cittadini dei comuni della nostra provincia, presenti in grande maggioranza, hanno dato parere favorevole al Rendiconto 2015, dimostrando senso di responsabilità e condivisione per il processo di risanamento dell’Ente che stiamo portando avanti. Ritengo perciò irriguardoso parlare di “tradimento” dei nostri sindaci, come ha fatto Longhin, solo per il fatto che l’esito della votazione non è stato quello da lui auspicato. Come trovo del tutto fuori luogo definire “politica opportunista e fine a se stessa” l’impegno che i nostri amministratori locali mettono nel ricoprire il proprio delicato ruolo. Da presidente della nuova Provincia, ma anche da Sindaco, sono amareggiato per le parole spese da Longhin, poiché oltre che poche rispettose sono per di più del tutto false. E mi spiego meglio e spero anche una volta per tutte. I 42 milioni di euro ai quali fa riferimento il consigliere della Lega non sono stati tagliati, bensì, solo spostati dal 2015 agli anni successivi, poiché la legge impone che tali somme vadano registrate nell’anno in cui si prevede di realizzare gli interventi. Mi spiace davvero che il consigliere leghista scelga di attaccare sindaci e amministratori locali, poiché si trova politicamente in imbarazzo nel prendere atto che questa amministrazione ha già ridotto tra il 2015 e il 2016 il deficit ereditato da chi ci ha preceduto di quasi 10 milioni di euro».

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 10 novembre 2016. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *