Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La denuncia di Medici senza Frontiere: “Sempre più a rischio i bambini intrappolati ad Aleppo”

image_pdfimage_print

 

mediciALEPPO, 10 novembre 2016- La vita dei bambini intrappolati ad Aleppo Est, in Siria, è sempre più a rischio ogni giorno che passa.

Da quando l’assedio è stato imposto a luglio, il numero di bambini colpiti da bombe è aumentato in modo considerevole. Cibo, acqua potabile e cure mediche stanno diventando sempre più scarsi, mentre il personale medico sta lottando per far fronte a un gran numero di feriti.

Dal 22 settembre almeno 136 bambini sono stati uccisi e altri 468 sono stati feriti da attacchi aerei. Gli ospedali dove vengono trattati sono sovraffollati e a corto di personale, forniture mediche e letti di terapia intensiva.

Ogni giorno arrivano al pronto soccorso tra i 120 e i 150 bambini. Alcuni dei 1.500 bambini ricoverati presentano quadri clinici più gravi e quindi hanno bisogno di cure mediche specialistiche. A causa dell’assedio, tutte le strade che portano fuori città sono quasi sempre chiuse, pertanto tutti i pazienti gravi che avrebbero bisogno di essere trasferiti in altre strutture, rimangono bloccati.

Ci sono anche casi sospetti di morbillo, meningite e poliomelite e mancano alimenti come carne, latticini, frutta e verdura e latte artificiale per i neonati.

Nonostante le enormi difficoltà di accesso ad Aleppo Est, non possiamo lasciare la popolazione da sola. Continueremo ad impegnarci per fornire aiuti umanitari e medici in queste aree.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 10 novembre 2016. Filed under Esteri. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *