Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

A Gallarate Lega Civica sempre più forte contro i partiti tradizionali

image_pdfimage_print
Sara De Micco

Sara De Micco

GALLARATE, 10 novembre 2016- Lega Civica di Gallarate è ancora più forte. A dispetto di coloro che consideravano effimera e unicamente elettorale la sua esperienza politica nella città di Gallarate, la Lega Civica diventa il perno di un soggetto civico mai così forte e articolato.

Al fianco di Sara De Micco, che fin dall’inizio ha creduto nella missione e nell’impegno della Lega Civica, si schierano, da oggi, Pietro Romano, già candidato sindaco per Gallarate Futura; Tiziano Fracchia, Presidente e Fondatore del Circolo gallaratese di Fratelli di Italia; Adelfo Forni e Roberto Borgo, reduci dall’impresa elettorale della lista “Borgo Sindaco”.

Collante di questa alleanza civica è la lontananza dai partiti e il rifiuto della logica antidemocratica e anti meritocratica, nonché la completa autonomia decisionale per tutte le problematiche riguardanti Gallarate. Proprio Roberto Borgo, forte della sua esperienza sul territorio, sarà Portavoce di Lega Civica Gallarate. “Per fugare ogni possibile equivoco – affermano i protagonisti della LC – ribadiamo che Donato Lozito non ha mai fatto parte di Lega Civica e che quindi, in Consiglio Comunale, egli rappresenta solo se stesso: non è quindi autorizzato a parlare a nome di Lega Civica”. “L’Amministrazione Cassani – proseguono – si sta rivelando un flop, ed i giochetti dei partiti stanno via via venendo allo scoperto, in quanto il Sindaco passa più tempo a rincorrere gli aut-aut degli alleati, che ad occuparsi dei problemi della Città”. Compito della Lega Civica, pertanto, è monitorare ciò che accade a Palazzo Borghi ed in Consiglio Comunale, diventando punto di riferimento extraconsiliare di una vera Opposizione, libera da qualsiasi condizionamento politico e amministrativo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 10 novembre 2016. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *