Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Nuova vita per il Murrayfield Pub di Chiasso: inaugurazione venerdì

muaCHIASSO, 16 novembre 2016– La storia del Murrayfield Pub è lunga. Il pub ha aperto i battenti per la prima volta nel 1993, oggi è tra i più grandi pub ticinesi, con 8 spine per la birra, oltre 100 tipi di birre in bottiglia tra cui scegliere e più di 100 tipologie di whisky pronti ad ammaliare anche i palati più esigenti.

Dopo la ristrutturazione, lo scorso 8 ottobre ha riaperto le sue porte con una serata in grande stile. Ma le sorprese per gli amanti della buona birra ed anche del buon cibo non sono finite, il Murrayfield Pub è pronto per un’inaugurazione 2.0 in programma per venerdì 18 novembre 2016 a partire dalle 20.00.

Grazie ai lavori di ristrutturazione dello scorso autunno il Murrayfield Pub oggi vanta anche una nuova cucina, un nuovo volto per il Murrayfield Pub che dalla prossima settimana proporrà anche un menù fisso per il pranzo.

L’inaugurazione 2.0 prenderà il via alle 20.00 di venerdì 18 novembre 2016, con “la notte dei porcelli” durante la quale sarà possibile gustare il maialino, una suinica leccornia accompagnata da calde e sfiziose patatine fritte, con tanto di birra inclusa, al prezzo di 10.- CHF.

E dopo cena… si ritorna a fare festa con il 4° The Surrealistic Night organizzato da Vinyl Sound & Liquid Show Club che festeggiano un’anno di attività, per tutti i presenti un tuffo a piedi pari nei magnifici 60’s/70’s, tanta musica e Light Liquid Show à Go Go come se non ci fosse un domani.

Una serata da non perdere allo storico pub di Chiasso.

Per altre formazioni potete consultare Facebook:

La notte dei porcelli: https://www.facebook.com/events/211238229317865/

4° The Surrealistic Night: https://www.facebook.com/events/161414864306340/

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 16 novembre 2016. Filed under Musica,Spettacoli&Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *