Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Rivoluzione della Luna sbarca al Teatro Sociale per dire “no” alla violenza contro le donne

image_pdfimage_print
Valentina Brivio

Valentina Brivio

BUSTO ARSIZIO, 18 novembre 2016 – “La Rivoluzione della Luna” arriva a Busto Arsizio. Uno spettacolo teatrale e musicale per dire no alla violenza contro le donne e sostenere chi è impegnato in prima linea in questo obiettivo. Il progetto, il cui titolo è un omaggio all’omonimo libro dello scrittore Andrea Camilleri, è in programma mercoledì 23 novembre, alle ore 21.00, al Teatro Sociale Delia Cajelli di Busto Arsizio (piazza Plebiscito).

L’evento, inserito all’interno di “B.A. per l’infanzia e l’adolescenza”, la settimana dell’Infanzia e dell’adolescenza realizzata dall’Amministrazione Comunale di Busto Arsizio dall’assessorato all’Inclusione Sociale di Miriam Arabini, è promosso da Cafè Musique – società organizzatrice di eventi – in collaborazione con il magazine di approfondimento sociale, Sguardi di Confine e la libreria Biblos Mondadori Gallarate.

Il ricavato dell’evento è destinato a sostenere i progetti di E.VA onlus Centro Antiviolenza (Emergenza Violenza Donna), un servizio antiviolenza ideato dalle istituzioni del Comune di Busto Arsizio e presieduto da Elisabetta Marca. Il centro, formato da un’equipe multidisciplinare in grado di sostenere le vittime sotto differenti aspetti, è nato con lo scopo di essere un ponte di collegamento fra cittadini/vittime e le istituzioni.

E così trova spazio “La Rivoluzione della Luna”: uno spettacolo teatrale e musicale pensato e ideato da Francesco Chiaravalloti (titolare di Cafè Musique), scritto dalla poetessa Giusy Tolomeo e musicato dal chitarrista e arrangiatore Luca Urso (direttore artistico di Cafè Musique). In scena, Valentina Brivio, attrice bustocca già nota al palco di piazza Plebiscito, sarà accompagnata da un gruppo di musicisti professionisti tra melodie rock e pop: Laura Usan (voce), Maurizio Mizio Toscano (voce), Angelo Licco (chitarra), Andrea Andy Vergori (pianoforte), Nico Secondini (tastiere), Augusto Gentili (basso) e Mauro Scarafiotti (batteria).

Un monologo a 5 atti, a tratti pieno di drammaticità, a tratti più leggero, che vuole ripercorrere le tappe di una ragazza immaginaria: dall’illusione dell’essere protagonista di una perfetta storia d’amore, alla presa di coscienza della tragicità dell’evento, al riscatto. Il tutto, accompagnato da giochi di luce e musiche in tema.

Sarà possibile gustarsi una breve anticipazione dello spettacolo con la presentazione di domenica 20 novembre alle 18.00 alla libreria Biblos Mondadori di Gallarate. «Se a Caino fosse stato dato vero amore – spiega Giusy Tolomeo – non avrebbe cercato di possedere tutto ciò che gli era stato negato, macchiandosi di efferati omicidi. Eva piange e subisce un antico torto. Lo so che una madre non potrà perdonare l’uccisione di una figlia, tuttavia potrà piangere assieme alla madre dell’assassino».

«ll progetto vuole rendere omaggio alla donna, riconoscendole straordinarie doti di coraggio e intelligenza. Tramite la musica – svela Francesco Chiaravalloti – non si racconteranno soltanto episodi di discriminazione e violenza ma si faranno risaltare anche le migliori qualità dell’universo femminile. Protagonista e interprete sul palco sarà la figura della donna stessa. L’obiettivo è di raccontare, attraverso uno spettacolo musicale, la storia di una donna, dei suoi sentimenti, delle sue fragilità e delle ingiustizie subite».

→IN BREVE:

►Mercoledì 23 novembre, ore 21.00

►Teatro Sociale Delia Cajelli, piazza Plebiscito, Busto Arsizio.

►Costo del biglietto: 12,00€ il cui ricavato sarà devoluto a E.Va Onlus.

Per informazioni: www.cafemusique.it, www.sguardidiconfine.com – su Facebook: La Rivoluzione della Luna

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 19 novembre 2016. Filed under PROVINCIA,Sociale,Spettacoli&Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *