Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Calcio femminile: Agsm Verona passa a Chieti con una larga vittoria

image_pdfimage_print

vr-lus-abbraccio-640x360CHIETI, 19 novembre 2016– Dopo tre vittorie casalinghe consecutive le ragazze di Agsm Verona si presentano sul campo dell’ambizioso neo-promosso Chieti con l’obiettivo di allungare la striscia positiva. Mister Longega non rischia ancora Boattin e manda in campo dal primo minuto le giovani nazionali under 17 Soffia e Nichele.
Le gialloblu studiano le avversarie nei primi minuti e passano in vantaggio al primo affondo: Martina Piemonte lavora la palla sulla sinistra, si accentra e dal limite fa partire una conclusione con la sfera che beffa Vicenzi e si infila sul palo lontano.
Verona pericoloso al 16′ con Melania Gabbiadini: il capitano gialloblu va via in velocità e da distanza ragguardevole  vede Vicenzi fuori dai pali e calcia a lato.
Gabbiadini e Piemonte confezionano un’azione sulla destra, palla in mezzo per Giugliano che di prima intenzione calcia di non molto sopra la traversa. Poco dopo ancora la numero dieci scaligera prova la conclusione dalla distanza senza inquadrare la porta. Sempre Giugliano gira a lato sull’assist di Williams.
Verona vicinissimo al raddoppio alla mezz’ora quando Rodella crossa dalla sinistra per l’incornata in tuffo di capitan Gabbiadini che sfiora il bersaglio.  La numero otto ci prova anche da fuori ma la mira non è delle migliori.
Le veronesi, all’incornata anche con Piemonte, premono in avanti ma non riescono a concretizzare il considerevole numero di occasioni prodotte.
La prima frazione si chiude con il tentativo su calcio di punizione di Giugliano che chiama Vicenzi alla respinta.
Chieti pericoloso in avvio di ripresa con il gioco che prosegue nonostante l’assistente abbia la bandierina alzata.

La seconda frazione, a differenza della prima, è scarna di vere occasioni con le abruzzesi che provano il pressing e le gialloblu che non hanno fretta di chiudere il match.
Si deve quindi arrivare al 27′ per registrare la conclusione e la conseguente rete di Paige Williams che da due passi va a deviare in fondo alla rete il cross pennellato da Melania Gabbiadini.
In zona Cesarini il Verona si complica la vita e consente alle abruzzesi di imbastire un’azione che Giulia Di Camillo finalizza battendo Thalmann  dalla distanza.
A tempo scaduto secondo giallo ed espulsione per Federica Di Criscio e poco dopo l’autrice del gol Di Camillo rimedia anch’essa una doppia ammonizione.
Con entrambe le squadre in dieci si disputano i cinque minuti di recupero senza ulteriori pericoli per le veronesi che portano a casa una vittoria meritata soprattutto per quanto fatto vedere nella prima frazione.
Sabato prossimo Gabbiadini e compagne torneranno sul sintetico di via Sogare per affrontare il San Zaccaria Ravenna.

TABELLINI:

CHIETI-AGSM VERONA: 1-3

Reti: Pt. 8′ Piemonte, st. 27′ Williams, 42′ Di Camillo Giulia

Chieti: Vicenzi, Di Camillo Giada, Di Bari, Tona, Benedetti (1′ st. Stivaletta), Vicchiarello, Marinelli, Di Camillo Giulia, Carrozzi (6′ st. Scioli, 32′ st. Nozzi), Copia, Innerhuber.
A disposizione: Colasante, Nozzi, Stivaletta, Cocchini, Perna, Scioli, Mariani.
Allenatore: Roberto Barbetta.

Agsm Verona; Thalmann, Galli, Carro, Di Criscio, Gabbiadini, Giugliano (20′ st. Pasini), Soffia, Piemonte, Nichele, Rodella, Williams (40′ st. Boattin).
A disposizione: Boattin, Pasini, Mizzon, Mneghini, Pavana.
Allenatore: Renato Longega.

Arbitro: Samuele Andreano di Prato.
Assistenti: Alessandro Morelli di Pescara e Alberto Antenucci di Vasto.
Note: Terreno in condizioni non ottimali, giornata calda con alternanza di sole e nuvole. Spettatori circa 300. Ammonite Di Criscio, Williams, Innerhuber, Di Camillo Giulia, Soffia. espulse per doppia ammonizione Di Criscio e Di Camillo. Recupero 0+5

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 20 novembre 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *