Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Luca Marsico: “Per combattere la violenza sulle donne serve una rivoluzione culturale”

image_pdfimage_print
Luca Marsico

Luca Marsico

MILANO, 21 novembre 2016-«In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulla dona che cadrà il prossimo 25 novembre invito tutti a riscoprire la produzione letteraria e poetica della donna attraverso l’iniziativa social “#ParolediDonna” ovvero la possibilità per chiunque volesse di condividere, da oggi fino al 25 novembre, sui propri profili social una frase, una poesia o un racconto scritto da una donna con l’aggiunta dell’ l’hashtag #ParolediDonna – sottolinea Luca Marsico – affinché si possano valorizzare e riscoprire, attraverso la cultura, figure di donne che hanno contribuito, con la propria arte e capacità  ad esaltare  la figura femminile attraverso la letteratura.

Sono convinto che per combattere crimini come la violenza, lo stalking o il femminicidio i cui dati 2016 sono in drammatico costante aumento, serve anche una rivoluzione culturale.

In questo contesto artistico e sociale un pensiero di riguardo corre alla figura di Grazia Deledda, donna moderna e abile narratrice della sua terra ma non solo, nonché unica italiana ad essere stata insignita del Premio Nobel per la letteratura nel 1926 e di cui ricorrono, quest’anno, gli 80 anni dalla scomparsa e che deve essere esempio per le nuove generazioni di donne: la mozione portata avanti dall’Onorevole Elena Centemero per una sua rivalorizzazione va in questa precisa direzione.»

Queste le parole del consigliere regionale Luca Marsico in merito all’iniziativa #ParolediDonna in vista della giornata internazionale della violenza sulla donna che cadrà venerdì 25 novembre.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 21 novembre 2016. Filed under MILANO,Sociale,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *