Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ci scrivono: “Conviene ancora mantenere il Polo Materno Infantile?”

image_pdfimage_print
La parte già completata del nuovo Polo Materno Infantille

Il nuovo Polo Materno Infantile

VARESE, 22 novembre 2016-Pensiamo che l’idea di creare a Varese un POLO MATERNO-INFANTILE sia da considerarsi lodevole. Non capiamo però perché lo si sia voluto realizzare ad ogni costo all’Ospedale Del Ponte e non nell’area dell’Ospedale di Circolo, dove per diversi e documentati motivi di efficienza e funzionalità sarebbe stato più logico collocarlo Abbiamo letto nel corso degli anni molti commenti positivi di genitori che hanno apprezzato la professionalità del Personale Sanitario, medico e paramedico, con cui sono stati curati i piccoli pazienti presso le Divisioni di Pediatria e Patologia neonatale del Del Ponte. Nessuno ne ha mai dubitato.  Ora vorremmo porre una domanda a questi genitori e a tutte le persone che hanno condiviso e difeso l’OSPEDALE DEI BAMBINI, nonché ai tanti benefattori privati ed ai personaggi dello spettacolo e dello sport che a vario titolo hanno contribuito a sostenere tale iniziativa: pensate che la professionalità e la competenza del personale medico e paramedico sarebbero state diverse se il Polo Materno-Infantile fosse stato creato nell’area dell’Ospedale di Circolo ? Ovviamente NO, ma intanto:

1) Si sarebbero risparmiati tantissimi soldi, abbattendo o ristrutturando qualche vecchio padiglione al Circolo anziché costruire l’attuale invasivo  monoblocco e demolire lo storico Padiglione Vedani al Del Ponte;

2) Non ci sarebbero stati tanti disagi per i pazienti e i loro familiari  dovuti ai trasferimenti (spesso anche pericolosi) all’Ospedale di Circolo di bambini e di donne (perché è bene ricordare che ci sono anche le Divisioni di Ostetricia e Ginecologia) per indagini e cure specialistiche non presenti al Del Ponte;

3) il POLO MATERNO-INFANTILE avrebbe potuto godere di almeno un po’ di spazio verde intorno;

4) Non ci sarebbero stati problemi di parcheggio; 

5) Ora non sarebbero necessari tanti altri soldi per creare “doppioni”, cioè per dotare il POLO di tutte quelle funzioni specialistiche col relativo personale e apparecchiature necessarie in gran parte già presenti presso l’Ospedale di Circolo.

Ma vi rendete conto di quanti soldi pubblici si dovrebbero ancora spendere per rendere “autosufficiente” il complesso PEDIATRICO-OSTETRICO-GINECOLOGICO al Del Ponte?

Sarebbe interessante conoscere qualche risposta dai Cittadini di Varese e dai politici che con tanta insistenza hanno voluto questo faraonico progetto. Ed anche da parte dei  responsabili della Fondazione “Ponte del Sorriso” che, non è chiaro per quali motivi, con ostinazione ha sempre sostenuto i politici che hanno ideato il progetto e voluto la sua realizzazione al Del Ponte anziché all’Ospedale di Circolo dove per mille motivi avrebbe trovato una più razionale e idonea collocazione.

 Giovanni Dotti e Martino Pirone -Varese-

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 22 novembre 2016. Filed under Lettere Al Direttore,Sanità,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

One Response to Ci scrivono: “Conviene ancora mantenere il Polo Materno Infantile?”

  1. Bruno..70 Rispondi

    22 novembre 2016 at 09:03

    Secondo me la risposta è molto semplice, come avrebbe fatto la Politica Lombarda a Mangiarci sopra?
    E’ sotto gli occhi di tutti che fare un polo materno infantile (dal punto di vista strutturale e logistico)all’ospedale del Ponte non ha alcun senso,se non quello di specularci sopra da parte di Tutti quelli che hanno avuto a che fare con questa Opera; basta infatti pensare che i soldi Stanziati non sono bastati (come più volte si è letto sui giornali) ne per finirlo ne per arredarlo.
    Comunque adesso che i lavori sono guasi terminati, non avrebbe alcun senso non portare avanti questo progetto, considerando che quando verrà realizzato il parcheggio multipiano “forse” anche il problema parcheggi sarà “risolto”.
    La fortuna è che ci sono Buoni Professionisti che ci lavorano e questo a mio avviso aiuta a superare tutte le difficoltà logistiche, se fosse stato il contrario allora si che saremmo stati Rovinati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *