Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Il Palaghiaccio sta cadendo a pezzi e noi atleti rischiamo ad ogni allenamento”, la denuncia di una pattinatrice varesina

image_pdfimage_print
L'interno del Palaghiaccio

L’interno del Palaghiaccio

VARESE, 27 novembre 2016- di GIANNI BERALDO-

<<Il Palaghiaccio cade a pezzi e noi rischiamo la nostra incolumità fisica tutti i giorni. Ora basta l’amministrazione comunale faccia qualcosa per risolvere il problema o per farlo attendono che accada qualcosa di grave a chi frequenta la pista del ghiaccio?>>.

Una denuncia non da poco quella esternata da un’atleta, una pattinatrice 18enne varesina di sincronizzato che, come molte altre compagne di squadra, si allena tutti i giorni al Palaghiaccio.

Una struttura davvero fatiscente, con la pista spesso invasa dall’acqua piovana

Le Frost Fairies

Le Frost Fairies

ogni qualvolta vi sono dei nubifragi o piove per diversi giorni come accaduto questa settimana- Allarme già lanciato in tempi non remoti, ma che non ha portato nessun frutto a livello di concretezza: ossia metterci mano seriamente ristrutturando l’intero complesso.

<<E dire che in campagna elettorale il neo sindaco aveva inserito tra le varie priorità la ristrutturazione del Palaghiaccio che reputava fondamentale per la città. Sono onesta- continua la giovane atleta- ho votato Galimberti con la speranza che questa volta davvero si potesse sistemare il palaghiaccio ma vedo che non è così. Insomma una profonda delusione e sarò costretta a cambiare sede di allenamento.>>

Noi giriamo l’appello alle istituzioni cittadine perchè salvaguardino sia le strutture sportive, quasi tutte gravate da condizioni strutturali pessime, sia i tantissimi atleti o semplici appassionati che quelle strutture le frequentano assiduamente nonostante tutto.

direttore@varese7press.it 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 27 novembre 2016. Filed under Cronaca,Sport,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *