Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il cortometraggio “Omar” di Massimo Cerbera si aggiudica il premio promosso dal Consiglio Italiano per i Rifugiati

image_pdfimage_print

rifuROMA, 30 novembre 2016- “Fammi vedere””,  il concorso di cortometraggi sul diritto d’asilo promosso dal Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR) e sostenuto da Mediterranean Hope della Fondazione delle Chiese Evangeliche in Italia, si è concluso con ‘l’annuncio delle tre opere premiate.

Nel corso della serata, ospitata dal circolo della Corte dei Conti a Roma, è stato decretato vincitore il cortometraggio “Omar“, realizzato da Massimo Cerbera, che racconta l’atipica  giornata di  un bambino immigrato tra espedienti e malinconici confronti. Vissuta nella coraggiosa attesa e nella speranza di un futuro migliore lasciandosi alle spalle il dolore e la perdita più grande.

I video “Fireworks“ di Giulia Tata e “Orizzonti“ di A. Sipolo e D. Ganke hanno invece ricevuto, rispettivamente, il premio come secondo e terzo classificati. Il primo è un cortometraggio che descrive, con un’efficace metafora tra i fuochi d’artificio e la guerra, la paura e lo spaesamento di una bambina che trova nell’’accoglienza in Italia una prospettiva nuova. Mentre il secondo è un’opera in cui tre rifugiati raccontano i propri orizzonti in tre momenti cruciali della propria vita: nel paese di origine, durante la fuga e nel paese di arrivo. La preziosa ambivalenza della parola orizzonte si presta alla doppia lettura. Gli orizzonti fisici impressi negli occhi mescolati ai desideri di esistenze migranti.

Ci sembra molto significativo che il primo e secondo premio siano andati a cortometraggi che vedono protagonisti dei bambini. Un tema sempre più cruciale, basti ricordare che nel 2016 sono arrivati in Italia già quasi 24mila  minori non accompagnati, e che tocca da vicino anche bambini molto piccoli. È impressionante pensare a bimbi di 7-8 anni che hanno affrontato da soli la traversata del deserto e del mare. Un problema complesso a cui dobbiamo dare risposte di accoglienza e integrazione, che possiamo costruire anche grazie ai racconti che – come quelli premiati – riescono a parlarci lievemente di incontri, necessità e aperture ” dichiara Roberto Zaccaria, Presidente del CIR.

Il concorso “Fammi vedere” era rivolto a chiunque che volesse raccontare, con il linguaggio cinematografico e il proprio originale punto di vista, il mondo dei richiedenti asilo e dei rifugiati.

Durante ‘l’evento sono stati proiettati i cinque cortometraggi finalisti e le opere fuori concorso “Teddy Bear” di H. Mangialardo, “The question” di L. Mininno e “No Country” di P. Bandini.

A premiare i vincitori sono stati rappresentati di organizzazioni che, insieme al CIR, operano in prima linea per garantire assistenza alle persone che arrivano nel nostro Paese per chiedere asilo o vedersi riconosciuto lo status di rifugiato. La serata, la cui madrina è stata Monica Guerritore, è stata animata dalla conduzione di Pino Insegno, dal monologo Spaesati dell’attrice Francesca Reggiani e dall’esibizione del comico Federico Perrotta.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 30 novembre 2016. Filed under Cinema,Sociale. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *