Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Al Pitti Uomo due giovani imprenditori di Busto Arsizio titolari del marchio “Milano 140”

image_pdfimage_print

BUSTO ARSIZIO, 11 gennaio 2017-Re-inventare i capi classici con una nuova visione estetica, valorizzando e reinterpretando l’heritage sartoriale in un concept contemporaneo grazie al lavoro di sarte italiane con tessuti made in Italy. Lo hanno fatto, nel corso degli ultimi 12 mesi, due giovani imprenditori di Busto Arsizio: Michele Canziani e Stefano Ghidotti, che nel gennaio 2016 hanno fondato Milano 140.

Il brand è ancora in fase di start-up ma ha già riscosso successo a livello internazionale negli Stati Uniti, in Giappone e ora approda anche a Firenze a Pitti Immagine Uomo, dove è presente con una collezione giocata tra vestibilità rilassate e check grafici, personalizzata da stampe d’archivio reinterpretate guardando ai lavori dell’artista John Beech.

Milano 140 è nata dalla passione per il mondo del fashion e dall’ambizione di costruire un percorso lavorativo tutto nostro, frutto delle nostre idee e della nostra creatività. Abbiamo sentito l’esigenza di intraprendere un percorso in prima linea che rispecchiasse a pieno le nostre esperienze e la nostra visione”, dico i due imprenditori che aggiungono- “Abbiamo puntato subito su Stati Uniti e Giapponedove oggi siamo presenti con la primavera-estate 2017 in alcuni multibrand indipendenti. Da ora in poi, invece, guardiamo all’Europa. Così abbiamo scelto di partecipare a Pitti Uomo e a Premium Berlino, che ci ha eletto “brand menswear rivelazione” e ci offrirà uno spazio a Galeries Lafayette di Berlino per tutto il mese di luglio”.

Obiettivo per questo nuovo anno? Aprirsi al mercato italiano, non semplice per i brand del lusso ma non impossibile. Lorenzo, Michele e Stefano contano di arrivarci!

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 gennaio 2017. Filed under Economia,Moda,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *