Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Stefano Angei denuncia lo stato di abbandono e insicurezza dell’area ex Enel di Biumo

20161203_122955VARESE, 3 dicembre 2016- <<L’insicurezza è palpabile nell’aria,lo stato di abbandono e di rischio è evidente ed è sotto gli occhi di tutti>>, questa la”denuncia di Stefano Angei coordinatore del Movimento giovani padani di varese riguardate l’ex Area Enel.
Angei continua evidenziando <<lo stato della zona è in pessime condizioni. Sporcizia e degrado sono ormai un fattore quotidiano per chi circola nelle zone Limitrofe dello stabile. Ma il problema più grande è il fattore sicurezza, la quale è a un livello minimo con la zona in questione è occupata abusivamente da soggetti di dubbia identità, i quali inizialmente si facevano anche “scrupoli’ nel non farsi vedere, ma oggi si comportano come se fossero i proprietari legittimi!20161203_123013
La questione sulla sicurezza è dettata dal fatto che queste persone a volte assumono dei comportamenti molesti magari dettati da uno stato di ebbrezza o chissà cos’altro, proprio l’altra sera ho dovuto chiamare i carabinieri e chiedere il loro intervento poichè c’era una persona che si aggirava alle 2.00 del mattino urlando e barcollando, per il quartiere Belforte, ed in seguito è entrato nell’edificio di Via Dalmazia. La mia oltre ad essere una denuncia pubblica di come versa l’are, è anche un appello alle istituzioni di intervenire il prima possibili considerato lo stato in cui versano quelle persone è preoccupante dato che essendo in difficoltà, potrebbero compiere anche atti illeciti.
I residenti (tra cui il sottoscritto) ed i commercianti  sono stanchi di vivere in una situazione del genere, e penso sia corretto risolvere in tempi brevi la questione senza aspettare che essa diventi irrecuperabile>>.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 dicembre 2016. Filed under Lettere Al Direttore,Varese,VARESE,Varese Calcio 1910. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *