Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Oltre 22mila firme raccolte dal Ponte del Sorriso: “Nessuna guerra, ma solo difendere il Polo Materno Infantile”

image_pdfimage_print
Emanuela Crivellaro

Emanuela Crivellaro

VARESE, 3 dicembre 2016– Sono state raccolte ben oltre 22mila firme cartacee e 1270 online dalla fondazione Il Ponte del Sorriso Onlus e dall’associazione AGUAV. Un esercito di sostenitori che non vogliono fare nessuna guerra ma solo difendere il polo materno infantile e chiederne lo sviluppo.

Il progetto risale ad oltre 30 anni fa, è partito negli anni 2000 per poi essere concretizzato nel 2007, quando la Regione lo ha identificato per diventare un polo materno infantile di riferimento regionale, per il quale sono stati stanziati 40milioni di euro. Sul suo futuro non vi è chiarezza e forti segnali fanno temere che il progetto venga ridimensionato da polo materno infantile a semplice padiglione dell’Ospedale di Circolo, con pesanti conseguenze in merito all’assistenza sanitaria pediatrica visto che gli ospedali pediatrici in Italia sono pochissimi. Uno di questi segnali è il POAS, che, oltre a non presentare alcun reale piano di sviluppo effettivo, segue un indirizzo secondo il quale le attività pediatriche e le attività degli adulti sono in commistione. Un principio contrario al Piano Sanitario Nazionale, al patto con le Regioni in tema di sanità e alle carte internazionali sui diritti dei bambini, sottoscritte dall’Italia, normative che pongono l’area pediatrica quale fascia sulla quale mettere la massima attenzione e sottolineano l’importanza di valorizzare gli ospedali pediatrici.

Un POAS nel quale la Cardiologia Pediatrica dovrebbe essere tolta dal dipartimento materno infantile e inserita nel dipartimento cardiovascolare adulti e che demansiona l’Urologia Pediatrica, che è una superspecialità, guidata dalla dottoressa Lilia Reali, un vanto ed un’eccellenza da mantenere, se si vuole realizzare un vero polo materno infantile.

La Cardiologia Pediatrica continua ad essere ad alto rischio di paralisi e chiusura, a causa di una superficiale gestione del problema e per il momento non si intravvede alcuna soluzione. E’ rimasta solo la dottoressa Alessandra Stifani e la conseguenza logica è che non è più possibile garantire continuità delle cure nelle reperibilità, nell’attività ambulatoriale, nel servizio a tutti i reparti del dipartimento materno infantile, con gravi disagi per le famiglie.

Perdere la Cardiologia Pediatrica significa dire per sempre addio al polo materno infantile. Perché è un reparto trasversale in termini di utilizzo a tutti i reparti del polo. Senza di essa quale chirurgo pediatra avvierà una Chirurgia Pediatrica che, senza una Cardiologia Pediatrica, non  potrà contare neanche su una Terapia Intensiva Pediatrica?

La nuova struttura è ormai pronta, all’avanguardia e a misura di bambino, da entusiasmare chiunque. Ma non vi alcuna notizia sullo stanziamento di fondi per il personale, un capitolo di spesa che la Regione non ha ancora preventivato. E manca ancora la terza fase di ristrutturazione per completare l’Ospedale Del Ponte, accorpare tutte le attività pediatriche e renderlo autonomo, evitando la spola dei bambini avanti e indietro dal Ponte al Circolo giorno e notte, pioggia o sereno, freddo o caldo.

L’assessore Giulio Gallera, durante l’incontro con Emanuela Crivellaro e Tiziano Basso, ha rassicurato sulla volontà della Regione di portare a termine il progetto nella sua interezza.

Ora migliaia e migliaia di firme portano in alto la voce dei bambini affinchè le parole diventino fatti.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 dicembre 2016. Filed under Sanità,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *