Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Arrestato a Gallarate 45enne comasco per rapina

GALLARATE, 7 dicembre 2016- Questa mattina gli agenti del Commissariato di P.S. di Gallarate hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di P.M., quarantacinquenne residente in provincia di Como già noto alle Forze dell’Ordine, emessa dal GIP del Tribunale di Busto Arsizio su richiesta della Procura della Repubblica, per una rapina consumata il 4 gennaio di quest’anno.

Nella tarda serata di quel giorno  infatti, P.M. si trovava a Gallarate a bordo di un’automobile, allorché, dopo averlo seguito per un breve tratto del Sempione, attirò l’attenzione del conducente di un furgone commerciale.

Quest’ultimo, pressoché al termine del proprio turno di lavoro, si era appena fermato ad uno sportello bancomat per un prelievo, fatto che probabilmente aveva destato le attenzioni del malintenzionato, e dunque quest’ultimo, “sfanalando” a più riprese e con insistenza era infine riuscito a farlo accostare in Via Marsala affiancandolo.

A quel punto  si era avvicinato al finestrino del malcapitato minacciandolo pesantemente per farsi consegnare il denaro appena prelevato.

La vittima era immediatamente ripartita e si era data alla fuga, tallonato però da P.M. fino in Viale dei Tigli, dove il furgone doveva nuovamente arrestarsi.

Ancora P.M. si era affacciato al finestrino ma all’ulteriore rifiuto, era passato alle vie di fatto sporgendosi all’interno ed aggredendo con dei pugni il conducente, riuscendo anche a sfilare la chiave dell’accensione per impedirne la fuga, che usava poi per percuoterlo al capo; poiché la vittima riusciva faticosamente a respingerlo ed a chiudersi all’interno dell’abitacolo, P.M. si era dunque armato di un cric conservato nella sua automobile e come una furia l’aveva usato per infrangere il finestrino, riuscendo così a farsi consegnare dal terrorizzato corriere il suo smartphone, e subito dopo soddisfatto del bottino si era dato alla fuga.

Alla povera vittima era rimasto poco altro da fare che dare l’allarme alla Polizia, e poi recarsi in Pronto Soccorso, dove gli venivano diagnosticati venticinque giorni di prognosi, per contusioni al volto ed in altre parti del corpo per testate e pugni inferti dal rapinatore, oltre perfino agli evidenti segni di sue morsicature.

Non aveva potuto cogliere né la targa né particolari elementi utili ad avviare le indagini nell’immediatezza, ma pochi giorni dopo P.M. incautamente aveva iniziato ad utilizzare lo smartphone, disfacendosi della simcard ed inserendone una propria, sia pure per soli tre giorni.

Gli agenti del Commissariato, grazie al riscontro del traffico telefonico generato da questa simcard nel breve periodo in cui era stata usata da P.M., hanno ristretto la rosa dei sospettati ed hanno potuto proporre alla vittima un riconoscimento personale coronato da successo, in quanto le fattezze del rapinatore erano comprensibilmente scolpite nella sua memoria.

Sulla base di questi gravi e concordanti indizi l’Autorità Giudiziaria ha pertanto ordinato l’arresto di P.M., rintracciato presso gli anziani genitori nel comasco; durante la perquisizione di rito è stata ritrovata la simcard, ma non purtroppo lo smartphone che probabilmente è stato nel frattempo ricettato da terzi.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 7 dicembre 2016. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *